Translate

giovedì 29 novembre 2012

"Occhi senza più lacrime", recensione





Questa è una recensione particolare. Ciò che leggerete oggi è il racconto di una scrittrice esordiente, Daniela Piccoli, che ha scritto una ventina di brevi racconti di fantascienza in parte pubblicati su diverse raccolte sia on line che cartacee. Che io sappia, il racconto di cui adesso farò la recensione non è disponibile su un sito né in forma cartacea. Per questo ho deciso di postarlo qui in forma integrale per farvelo leggere col beneplacito dell’Autrice. Perché ho scelto proprio questo e non uno dei racconti già pubblicati? La risposta è semplice: si tratta della storia che più mi è piaciuta e che, rispetto ad altre sue, mi sembra più in linea col mio modo di scrivere attuale. L’immagine che vedete in prima è un disegno realizzato dall’Autrice apposta per il racconto. Le altre immagini, invece, si riferiscono ad altri suoi disegni. Passando al comparto tecnico essenzialmente si tratta di un dialogo. Un discorso a due voci, cioè con due soli personaggi, molto diretto, senza fronzoli, e quindi di veloce fruizione. Per quanto mi concerne si tratta anche di un dialogo verosimile. Con questo termine io identifico non un dialogo brillante ma che, proprio per questo, difficile da ascoltare nella vita reale ma neanche uno scarno, ripetitivo e, per usare una sola parola, noioso. Leggetelo e poi non mancate di scrivere le vostre sensazioni. Alla fine del racconto troverete l’elenco completo, inviatomi dall’Autrice stessa, relativo a tutti i suoi racconti. Alcuni di essi sono completi di link o, comunque, dei dati relativi alle pubblicazioni (quando e se pubblicati). Spero che questo racconto vi piaccia come è piaciuto a me. 

Marylin Monroe, la ginoide protagonista del racconto L'Androide 518L


Il racconto:

“OCCHI SENZA PIU’ LACRIME”


L’investigatore entrò nella stanza. In un angolo seduta compostamente stava una donna. Il vestito, elegante e costoso, era ancora sporco di sangue, lo sguardo perso in chissà quali pensieri.
L’uomo si mise di fronte all’omicida con una cartella in mano, poi dopo averla aperta, sparpagliò una serie di foto sul tavolo.
- Allora, signora Marcelli, lo riconosce? Guardi bene le foto della vittima. - Le vedo. Lo riconosco. - Sa quindi come si chiamava? Chi era? - Si chiamava Antonio Volpi. - Signora lei è stata trovata con un coltello in mano, nella villa di questo signore, mentre infieriva sul suo corpo dopo averlo colpito con quattordici coltellate. - Si erano quattordici. Una per ogni anno. - Una per ogni anno cosa? - Una per ogni anno. - Non capisco. - Non importa. Lei non può capire. - L'ha ucciso lei, quindi. Confessa. - Si l'ho ammazzato io. - Perché? Perché dice che io non posso capire? - Lei è troppo giovane. Quanti anni ha? Ventisette, ventotto? - Ne ho trentadue. Ma può parlare, può spiegarmi. Forse posso capire. - Non credo. Ha figli? - No, ma spero di averne. - Glielo auguro. È una bella cosa avere dei figli. - E lei ne ha mai avuto qualcuno Anna? Posso chiamarla Anna? - Può chiamarmi come vuole. - Lei ha appena confessato un omicidio, vuole un avvocato? - No. Non mi interessa. Ormai non ha più importanza. Nulla ha più importanza.
- Torniamo ai figli. Quanti figli ha avuto, Anna? - Una. Sul volto della donna per la prima volta aleggiò un accenno di sorriso, come se stesse ricordando qualcosa di bello.
- Una bambina, quindi. E ha anche un marito? – Il detective Polvani era perplesso. Secondo i dati in suo possesso la donna non aveva figli.
- Non più. È morto.
Un’agente bussò nella saletta. Chiamò l’investigatore da parte, gli disse alcune cose sottovoce all’orecchio e poi andò via. Polvani si rimise seduto con un sospiro. Adesso capiva. Altroché, se capiva!
- Signora mi dicono che i suoi documenti sono falsi. Lei non si chiama Anna Marcelli, il suo vero nome è Lara Leonelli e il vero nome della vittima è invece Mario Corsetti.
- È vero.
- Perché ha cambiato nome?
- Dovevo farlo, altrimenti lui mi avrebbe riconosciuta.
- Già, ha cambiato nome, ha cambiato il colore dei capelli, ha usato lenti colorate. Tutto per avvicinarlo, vero?
- Sì, non mi avrebbe permesso di andare nella sua villa e di restare da sola con lui. Avrebbe capito subito le mie intenzioni.
- Invece lo ha abbordato. Ha premeditato tutto Lara?
- Si
- Quando?

- Quando l’ho trovato.
- Lei è riuscita dove noi non siamo arrivati.
- Le mie motivazioni erano molto più forti delle vostre. E non avevo le mani legate dal fatto che fosse un uomo ricco con tante conoscenze altolocate. Ho passato ogni minuto della mia vita a cercarlo, dopo che voi l’avete rilasciato perché non avevate prove.
- Già. Ma lei è sicura che sia stato lui?
- Oh, lo ha confessato. Mi ha spiegato tutto. Non voleva dirlo, ma io ho usato la stessa tecnica che ha usato con mia figlia. Dopo averlo drogato e legato, ho atteso che si svegliasse e poi ho acceso una sigaretta e ho minacciato di spegnergliela sul corpo, se non avesse parlato. Era un vero codardo. Dopo le prime due bruciature ha confessato tutto. - Sul volto di pietra della donna, passò un sorriso di soddisfazione. – Io mi sono fermata. Mia figlia non ha avuto questa fortuna, prima di violentarla, lui l’ha seviziata con quindici bruciature. Tre su un seno, quattro sul braccio destro, una nella…
- Basta. Non dica altro. Non si torturi oltre.
- Non posso. Io quelle bruciature le sento ogni giorno sulla mia pelle, una per una, ogni volta che mi sveglio e che ricordo chi sono e che avevo una figlia. Aveva solo 14 anni, era ancora una bambina. Aveva la vita davanti e quell’uomo me l’ha uccisa, in quel modo, per fare i suoi comodi. E continuava ad andare in giro libero, libero di fare ad altre ragazzine quel che ha fatto alla mia. Ha confessato non solo l’omicidio di mia figlia, ma anche quello di quell’altra ragazzina che era scomparsa un anno fa.
- Sara Bernardi, quella ritrovata in quel casolare abbandonato? – chiese Polvani,
- Si, Sara, si chiamava Sara. E ne ha nominata un’altra, una che non avete mai trovato. Chiara, ma non ricordo il cognome. Ha detto di averla seppellita in una bosco a nord della città. Ha riferito che vicino c’è un casolare in rovina, e una grande quercia.
L’investigatore si appuntò tutto, anche se tutto l’interrogatorio veniva registrato.
- E poi, dopo la confessione dei tre omicidi, cosa ha fatto?
- Gli ho fatto credere che lo avrei lasciato libero, che avevo registrato tutto, che avrei chiamato la polizia e che stavolta con la confessione che aveva fatto, non avrebbe avuto scampo. E come avevo immaginato, lui mi ha guardato con uno sguardo spavaldo. Non l’ha detto ma, una confessione estorta con la tortura, con gli avvocati che si poteva permettere lui… L’avrebbero rilasciato nel giro di due ore, e sarebbe potuto sparire di nuovo con una nuova identità. Così l’ho colpito, quando meno se l’aspettava. Ho affondato il coltello nella sua carne, e ho atteso ogni volta per ogni coltellata un po’ di tempo, in modo che si rendesse conto, che soffrisse. Per quattordici volte ho affondato la lama nel suo corpo, facendo uscire il suo sangue lentamente. E sa una cosa?
- Cosa Lara? – chiese l’investigatore guardando in quegli occhi ormai senza più lacrime.
- Non credo che abbia sentito il dolore che ancora sento e sentirò io per tutto il resto della mia vita.


Un altro dei disegni di Daniela Piccoli


Elenco delle opere dell’Autrice

L’amante perfetto – Libro di Out “13 screziature d’amore”
Uno strano caso (la pietra dai riflessi viola) – Space Prophecies Antologia vol. 2 (Yavin 4)
Il pianeta incontaminato – I bonsai di Carmilla
La cuffia R-8 - 256 K di Bravi Autori
L’androide 518L – NASF 7
L’ascensore del futuro - NON SPINGETE QUEL BOTTONE di Bravi Autori
La spia dei Menkari – NASF 8
Il pianeta VVolant -http://www.braviautori.com/il-pianeta-vvolant.html
Il regno di Fumoscuro – http://www.braviautori.com/il-regno-di-fumoscuro.html
La notte di Halloween – http://www.braviautori.com/la-notte-di-halloween.html
La notte più lunga - http://www.braviautori.com/la-notte-piu-lunga.html
Sperando –  http://www.braviautori.com/sperando.html
Strane coincidenze – http://www.braviautori.com/strane-coincidenze.html
Una rapina in banca - http://www.braviautori.com/una-rapina-in-banca.html
Una giornata particolare – http://www.braviautori.com/una-giornata-particolare.html
Occhi senza più lacrime – http://www.braviautori.com/occhi-senza-piu-lacrime.html
Un incontro clandestino - http://www.braviautori.com/un-incontro-clandestino.html
Gioco di sangue - inedito
La brain-wavecam - inedito
Svaniti nel tempo – inedito
L’amore di una donna – sarà edito su “77 le gambe delle donne” Bravi autori
La sezione 13 della biblioteca comunale – inedito (sta partecipando a un concorso)




Massimo Valentini




101 commenti:

  1. Molto grazioso il racconto e belli i disegni.


    Serena

    RispondiElimina
  2. Il mio plauso a questa scrittrice esordiente per il bel racconto e un altro a te per la sensibilità che dimostri verso chi crede al sogno della penna. magari un giorno, se deciderò di inviare i miei raccontini a qualcuno considererò "Gabbiani delle Stelle".

    RispondiElimina
  3. Il racconto è carino complimenti all'autrice. Delicato come sempre l'equilibrio che mostri quando recensisci gli esordienti


    Vanessa

    RispondiElimina
  4. Che bello il disegno tre


    Silvietta

    RispondiElimina
  5. I disegni sono bellissimi. Brava!!! Il racconto non è cattivo ma secondo me poteva essere più bello


    Sandra

    RispondiElimina
  6. La protagonista ha fatto bene!!!

    Chiara

    RispondiElimina
  7. un disegno scritto con sensibilità al femminile. Molto, molto carino. Compli a raffica

    Michela

    RispondiElimina
  8. Non so, il racconto non mi sembra proprio il non plus ultra anche se è carino. Belli i disegni


    Katia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un semplice dialogo puo' essere anche un racconto? A quanto pare si visto che cosi' lo hai presentato e senza dubbio lo considera l' autrice. Non mi ha detto molto. Potrebbero essere le regole concorsi a concorrere a questa sensazione. Magari ha ragione Margherita.


      Lea

      Elimina
  9. Grazie Val per regalarci queste possibilità di essere recensiti da te. Molto graziosi i disegni e carino il racconto

    Sofia

    RispondiElimina
  10. Sempre attento a noi esordienti. Mirabile equilibrio. Ne esistessero di più persone come te Grazie

    RispondiElimina
  11. Mi piace l' idea di associare un disegno a un racconto. Amatoriale come idea ma graziosa.


    Franca

    RispondiElimina
  12. Molto grazioso il racconto


    Ornella

    RispondiElimina
  13. Belle storie anche se forse eccessivamente semplici per i miei gusti

    Monica

    RispondiElimina
  14. Apprezzo la scelta di recensire le opere di autori esordienti. Mi sembra una cosa bellissima. Meravigliosi i disegni


    Marzia

    RispondiElimina
  15. Certo che i disegni sono stupenderrimi ^_^


    Anna

    RispondiElimina
  16. Carino il racconto


    Giada

    RispondiElimina
  17. Direi che

    1) I racconti sembrano troppo "al femminile". Con questo intendo dire che, anche se apprezzo la sensibilità dell'autrice, forse le storie potevano essere più crude senza per questo scadere nel gore.

    2) manca una consapevolezza delle storie in questi racconti. Mi è piaciuto L'Androide 518L ma scegliere la Monroe mi è parsa una scelta di comodo in qualche maniera. Non so. Non me ne voglia l'autrice, il mio è solo un parere

    Margherita

    RispondiElimina
  18. Non è il genere di racconti che preferisco ma alcuni mi sembrano carini. Moooolto belli i disegni


    Stella

    RispondiElimina
  19. Ha un'ottima mano coi visi


    Riccardo

    RispondiElimina
  20. Leggo che i racconti sono frutti di scelte dovuti alle logiche dei concorsi (che a me non piacciono). Penso che la Piccoli abbia talento ma che forse dovrebbe scrivere senza porsi limiti come poi sono proprio i concorsi

    Linda

    RispondiElimina
  21. Racconto: carino

    Disegni: bellissimi


    Maria

    RispondiElimina
  22. Adoro il disegno number one


    Angela

    RispondiElimina
  23. Belli i disegni. Il racconto non mi ha attratta moltissimo


    Mara

    RispondiElimina
  24. Storia buona e molto efficace. Brava :-)

    Azzurra

    RispondiElimina
  25. Stavolta non condivido il tuo parere. Il racconto mi e' parso debole anche se alla fine si tratta di un dialogo fine a se stesso. Non so non e' paragonabile ai tuoi racconti brevi. Questo e' il mio parere


    Lina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo racconto non è piaciuto neanche a me. Non è scritto coi piedi, non dico affatto questo, ma non mi ha emozionata sebbene il dialogo sia scritto in modo abbastanza carino. Questione di gusti

      Viviana

      Elimina
    2. Non penso che sia un buon racconto. Caruccio, magari, ma certo non è un racconto per il quale direi follie.


      Elena

      Elimina
    3. Sono d'accordo con voi, ragazze


      Ivone

      Elimina
    4. Se devo essere sincera Val, questa volta sono un pochetto non concorde con te. Non è un racconto ma solo un dialogo. Capisco che questo come già altri racconti dell'autrice sia il risultato della partecipazione a un concorso e quindi soggetto a regole però non mi ha entusiasmata. Al contrario, i disegni sono davvero belli. Proprio brava

      Simona

      Elimina
    5. A me il racconto è piaciuto


      Carmen

      Elimina
    6. Secondo il mio parere questo racconto è sufficiente. I disegni poi sono molto validi. Vabbé non sono racconti che fanno gridare dal prodigio ma ho trovato storielle più scadenti e quelle della signora Piccoli sono abbastanza carine

      Giulia

      Elimina
  26. Carini racconto e disegni. Brava


    Lucia

    RispondiElimina
  27. Non penso sia una storia di qualita'


    Franco

    RispondiElimina
  28. I disegni sono splendidi. Forse a colori sarebbero anche piu' belli


    Lorella

    RispondiElimina
  29. Mi dispiace ma nessuno dei racconti che ho esaminato io mi ha detto molto. E' una mia opinione


    Paolo

    RispondiElimina
  30. Molto belli i disegni. Il racconto credo sia acerbo ma e' carino


    Rosa

    RispondiElimina
  31. Mi piace la storia. Semplice e di grande effetto


    Federica

    RispondiElimina
  32. Eccellente

    ;-)


    Simona

    RispondiElimina
  33. Il racconto sembra carino e efficace


    Grazia


    RispondiElimina
  34. A me il racconto e' parso molto bello ed efficace. Un bel dialogo. Ok breve ma dovete pensare che e' il risultato di un concorso


    Loredana

    RispondiElimina
  35. A mio parere una bella storia. Molto moderna


    Jessica

    RispondiElimina
  36. "L'elaboratore di vita autonoma" è fantastico


    Mariella

    RispondiElimina
  37. Colgo l'occasione per ringraziare tutti i lettori di questo sito per aver letto il mio racconto "Occhi senza più lacrime": quelli cui non è piaciuto (non si può essere graditi a tutti!), e quelli (soprattutto!) che invece l'hanno trovato gradevole. :D
    Volevo solo aggiungere, come forse saprete, che il brano aveva delle limitazioni (non si dovevano superare le 1100 battute e la storia doveva essere scritta solo tramite un dialogo). Quindi purtroppo sicuramente il racconto ha risentito di questi vincoli. Ciò nonostante a Massimo è piaciuto e ha voluto pubblicarlo qui.
    Pensate che si è offerto di presentarmi senza che io glielo chiedessi. Bè che io sappia lui sarà uno dei pochissimi autori già affermati, che dedica ancora tempo agli esordienti!
    Quindi lasciatemelo ringraziare pubblicamente perchè se lo merita e perchè penso sia "grande" e non solo per come scrive.

    Aggiungo ancora che se qualcuno di voi si sentissse in uno stato di profondo masochismo e avesse intenzione di infleggersi ulteriore tortura, posso sempre contribuire, con l'invio di qualcuno dei racconti elencati che non sono reperibili sul sito di Bravi Autori... No, vabbè dai scherzavo! :)
    Però vi ringrazio tantissimo per i complimenti per i disegni.
    Un caro saluto a tutti.

    Daniela Piccoli

    PS Sono molto contenta Mariella che ti sia piaciuto "L'elaboratore di vita autonoma", perchè, pensa, che quel racconto mi è stato scartato quando l'ho mandato per una raccolta per un e-book gratis.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela.

      Complimenti. Io credo che Val sia uno dei migliori scrittori italiani per quanto riguarda il Fantastico. Non so se tu abbia letto qualcosa di suo. Senz'altro ti consiglio "Primus, l'uomo che sognava di vivere" oppure "Gabbiani delle Stelle" che sono i libri pubblicati più di recente.


      Grazia

      Elimina
  38. E' un piacere "parlare" con te. Ti invidio un po' sai? Ma in senso buono!!!!!! Val non è come gli altri! Io ho conosciuto una volta alcuni nomi diciamo famosi italiani ed erano molto distanti dal pubblico. Val l'ho visto una sola volta ma alla vecchia casa editrice, quella di Cosenza. C'era tutto il corso A del mio vecchio liceo. E' stato bravissimo!!!! Un grande!!


    Marica

    RispondiElimina
  39. Io adoro Val e i suoi libri. Sei stata fortunata Daniela :-) Comunque per quanto mi riguarda ho letto le tue storie e mi son piaciute.


    Vanessa

    RispondiElimina
  40. Puoi dirlo a voce alta Daniela!! Ma non preoccuparti: a me quel racconto è piaciuto. Poi il pubblico è così vario!!


    Mariella

    RispondiElimina
  41. Va bene Daniela contribuisci pure ma devi chiedere a Val non a noi

    Ma, a proposito: tu che libri preferisci? Una curiosità


    Francesca

    RispondiElimina
  42. Ciaoooooooo!



    Silvietta

    RispondiElimina
  43. Daniela, scusa ma sei di NASF????? Se è così finalmente qualcuno gentile!

    Ivane

    RispondiElimina
  44. Ciao Daniela.

    Credo di parlare a nome di tutte le fan :-) siamo contente che sei qui. Penso che il tuo racconto sia molto carino


    Stefania

    RispondiElimina
  45. Daniela è un piacere Scusa una domanda... che libri leggi?


    Marcella

    RispondiElimina
  46. Ti considero molto fortunata. anche a me piacerebbe scambiare qualche parola con Val. Sono molto curiosa


    Marzia

    RispondiElimina
  47. Allora rispondo
    @ Grazia:
    Ho purtroppo avuto modo di leggere poche cose di Massimo, ma quel poco mi è piaciuto tutto, anche racconti di quando era molto giovane (che aveva talento si è visto subito!). Adesso sto leggendo Primus, ma ho intenzione di leggere tutti i suoi libri!
    @ Marica
    Hai ragione sono stata molto fortunata a conoscere Massimo, ma non lo conosco di persona. Che sia una persona speciale me ne sto accorgendo...
    @ Vanessa
    Sono contenta che ti siano piaciute le mie storie. Essere apprezzati da una persona che è abituata a quelle di Massimo, bè... sei veramente molto gentile!
    @ Mariella
    Si hai ragione il pubblico è molto vario. Per questo non me la prendo se a qualcuno quel che scrivo non piace. Sui gusti non si discute e tutti hanno ragione. Ovvio che mi fa particolarmente piacere, come nel tuo caso, il fatto che un racconto piaccia.
    @ Silvietta
    un grande ciao anche a te!
    @ Ivane
    Io sono una delle tante autrici/autori che sono stati selezionati con i loro racconti per essere pubblicati sull'antologia di NASF (che raccoglie validi racconti di fantascienza di esordienti). Non conosco personalmente nessuno degli altri autori, ma ho letto la diatriba che purtroppo si è scatenata con la recensione di Cells. Mi dispiace molto che sia accaduta perchè io spesso leggo, e qualche volta partecipo, al forum del sito. E tutti, di solito, sono gentili. Quindi non saprei proprio che dirvi.

    Un saluto a tutte.

    Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio senza dubbio "Gabbiani delle Stelle". Praticamente un romanzo a puntate perché composto da 4 racconti collegati tra loro dalla vicenda di Maximus e Leyla. Una storia bellissima e fantastica che fa sognare e riflettere. Io ho scordato il numero di volte che l'ho divorato. si si DI-VO-RA-TO
      Diciamo che lo conosco a memoria quel libro.

      Grazia

      Elimina
    2. concordo

      Mariella

      Elimina
    3. Complimenti per i disegni e il racconto Daniela. Ciao :-)


      Ornella

      Elimina
  48. Bah guarda. Credo si sia trattato di un'occasione sprecata. I toni sono diventati aspri e alla fine si è dissolto tutto. Sono però felice che tu sia di NASF e soprattutto che così gentile. Un saluto


    Ivane

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con te Ivane e con te Daniela.

      Non mi piace fare nomi di chi non è presente in questo momento ma credo che quel tizio sia stato un tantino arrogante e a me quelli che si ergono sul piedistallo non piacciono. dopotutto il nostro padrone di casa tutto sembra tranne uno arrogante e allora perché non rispettare questo sito? Sono una di quelle che aveva scritto, non senza rabbia, lo confesso, che avrei preferito un'altra persona di N.A.S.F. Sono contenta che tu sia diversa. Un salutone


      Mirella

      Elimina
  49. Non lo conosci di persona? Sul forum del vostro sito, allora? Ma comunque sai qualcosa di lui, chessò nuove uscite, magari he he he he. Dovrebbe pubblicare un romanzo nuovo. Non è che per caso conosci qualche dettaglio? [spero che i moderatori non taglino il mio pensiero ] Cmq Dany ciaooo!!!


    Eleonora

    RispondiElimina
  50. Una volta sono andata a scartabellare sul sito di Nuovi Autori Fantascienza e ho trovato la discussione sul nostro "Gabbiani" molti sono stati obiettivi e a modo loro carini. Un paio non tanto specialmente uno che diceva che noi saremmo "le fan gnocche di Valentini" e che quindi sarebbe stato carino invitarci sul vostro forum. A parte il fatto che Val non ha mai fatto apprezzamenti di nessun tipo su di noi non mi è sembrato il modo più intelligente di riferirsi a persone che neanche si conoscono. Tu, cara Daniela, sei una splendida eccezione. Se anche altri sono come te non credo ci saranno noie a comunicare.

    Monica

    RispondiElimina
  51. Ciaoooooo Daniela! Sono felice che tu abbia risposto alle nostre curiosità!!!!

    Francesca

    RispondiElimina
  52. Ciao Daniela. Un saluto e complimenti per il racconto

    Lorenzo

    RispondiElimina
  53. Ciao Dany complimenti per il racconto. E' molto bello


    Stella

    RispondiElimina
  54. Molto belli i tuoi disegni


    Maria

    RispondiElimina
  55. Здравствуйте Daniela. Я прочитал хотя и медленно историю вашей. Seifortunata знать окружающей писателя. Как много значит для меня.

    K

    RispondiElimina
  56. @ Grazia e Mariella
    Avevo giusto intenzione appena finito Primus, di leggere Gabbiani delle stelle, prima mi attirava il titolo (ma comunque come ho detto ho intenzione di reperire tutto il reperibile di quel che ha scritto Massimo) ma ora con il vostro consiglio, sono ancora più convinta di quel che avevo pensato.
    @ Ivane, Mirella e Monica
    Come ho detto non conosco le persone con cui avete avuto il diverbio. Tra l'altro, come ben dice Ivane, è stata un'occasione sprecata. Magari si potrebbe pensare a una tregua, soprattutto per quelle persone che invece si sono dimostrate "a loro modo carine" come ha detto Monica. Decidete voi. Non voglio forzarvi.
    @ Eleonora
    Vero, non lo conosco di persona e so solo, come voi, che deve uscire un suo nuovo libro. Altro chiedetelo a lui. :)

    Poi mando un grande saluto a Francesca e a K (di cui non ho capito bene solo l'ultima parola... ;)).

    Buona serata, ragazze!

    Dany

    RispondiElimina
  57. Poichè, quando ho risposto oggi pomeriggio, i commenti di Lorenzo, Stella, Maria e Ornella non erano apparsi, li ringrazio moltissimo per i complimenti che mi hanno fatto sia per il racconto che per i disegni.

    Sinceramente non pensavo di trovare questa accoglienza, quindi grazie veramente ragazzi/e.

    Un grande saluto

    Dany

    RispondiElimina
  58. Vedi, forse per te saranno solo sciocchezze o magari cose da fan ma il fatto è che Val ci coccola con dolcezza e ci dice sempre le ultime novità. E tuttavia, ma penso te ne sarai accorta, non interviene praticamente mai. Questo comportamento, se da un lato mi piace perché mi fa capire come lui non sia il solito tizio che pensa di essere indispensabile, dall'altro rende oscuro eventuali sue idee. Ecco perché ogni volta che si presenta qualcuno che dice di conoscerlo,e parlo per me, penso subito che magari conosce qualche "segreto" o curiosità :-)


    Eleonora

    RispondiElimina
  59. K è Katiuscia, una ragazza russa che a quanto pare ha letto alcuni libri del nostro Val. Eeeeh, tanto per usare una definizione del "Cazzaro" di NASF, per Val "la corte delle gnocche" non è una fantasia. hi hi Scherzi a parte sono felice che i suoi libri piacciono anche fuori dai confini italici


    Barbara

    RispondiElimina
  60. Bè, io non sono in guerra con nessuno. Dicevo solo che chi va a visitare la casa di un'altra persona poi deve seguirne le regole. Però adesso basta parlare del passato
    sarò ben felice di scambiare opinioni con altri del tuo forum, Daniela

    Monica

    RispondiElimina
  61. Per Eleonora

    No non sono sciocchezze e capisco che tu sia curiosa. D'altronde però se Massimo è solito non parlare molto sarà perché evidentemente lui si esprime meglio attraverso i suoi libri e i suoi post.
    Comunque non conosco suoi "segreti". :)

    Per Barbara

    Katiuscia quindi è una lettrice russa (mi sembrava cirillico ma non ne ero sicura). Bene sono contenta che Massimo sia apprezzato anche all'estero!

    Per Monica

    Hai ragione Monica. Quando si è in casa di altri si dovrebbero seguire delle regole. Comunque il forum non è mio e io non sono una portavoce. Solo che essendo una scrittrice che ha avuto la fortuna di vedere pubblicati, per due anni di seguito, i suoi racconti, nell'antologia che ogni anno viene fatta dagli organizzatori di NASF e che raccoglie racconti di fantascienza, mi dispiaceva, per gli altri autori come me, che la porta che era stata aperta tra questo sito e il loro rimanesse chiusa.
    Posso quindi solo essere felice se magari qualcuno di loro passasse di qua e volesse scambiare opinioni con voi. Pur non essendo del forum, come autrice che frequenta anche il sito di NASF, io vi ringrazio per questo.

    Un saluto a tutte con l'augurio di trascorre un buon 8 dicembre e un buon weekend!

    Dany

    RispondiElimina
  62. Bè certo non puoi essere l'ambasciatrice di quel forum. Ad ogni modo io sono contenta che tu sia tra noi. Devo dire che sono un tantino invidiosa, ma in senso buono, della tua "conoscenza" letteraria di Val. Se posso chiederlo: immagino che qualche lettera ve la siate scambiati. Che libri legge?

    Barbara

    RispondiElimina
  63. E io dico: mille volte meglio Daniela che non certi tizi. Gnocche o no siamo prima di tutto lettrici. E quindi persone.


    Lorella

    RispondiElimina
  64. Già, Katiuscia è una giovane ragazza dell'est ma non mi pare sia russa quanto georgiana. E quando di solito i maschietti leggono la parola "donne russe" pensano subito a splendide donne alte 1.80 bionde e seducenti. Di belle son belle ma non penso che noi italiane siamo da meno

    Erica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza nulla criticare ma effettivamente quelle dell'est hanno dei bei fisici. Poi è ovvio che conta anche il carattere però, ecco...

      Marcello

      Elimina
    2. Quelle sono davvero gnocche, ragazzi. Certo la bellezza non ha nazione ma è anche vero che a Cracovia, riga e Mosca di ragazze stratosferiche ne vedi tante e non si fanno certe paranoie.


      Paolo

      Elimina
    3. Sono splendide, femminili, eleganti e non sono acide... dici poco? :-)

      Lorenzo

      Elimina
  65. Ricordo ai signori maschietti che "Gabbiani delle Stelle" parla di libri e non di cose da bar, grazie


    Margherita

    RispondiElimina

  66. confermo: è georgiana


    Samantha

    RispondiElimina
  67. Certo che voi maschi siete tutti uguali!!!!!!!!!!!!!


    Mariella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come molte donne sbavano per i calciatori

      Io del calcio non so che farmene e a ben vedere anche della televisione


      Franco

      Elimina
    2. E allora voi ragazze che correte ad acquistare sempre vestiti, scarpe e siete fanatiche di cantanti e calciatori?


      Marco

      Elimina
  68. Come Volevasi Dimostrare Ovvero: i maschi pensano solo a calcio e veline

    Sonia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io il calcio lo seguo ma non faccio trasferte né rinuncio a tutto pur di fare l'abbonamento a sky e non sono di quelli che rodono perché la propria squadra perde: sono partite, ovvero un gioco, non sono la vita, anche se questo mio modo di vedere non sembra essere quello di molti. Ad ogni modo ciascuno facesse quel che vuole. sul conto della signorina russa o georgiana che sia: non dubito sia una ragazza attraente e anche intelligente ed ecco perché penso che, se legge certe osservazioni, rida felice e di gusto. Così come credo che anche il nostro padrone di casa non ama certe ragazzate. Che importanza è se le russe sono più belle delle italiane? Le conoscete? E che fate, trattate la carne al mercato? Sinceramente, io non capisco a volte perché gli esseri umani sarebbero considerati una razza intelligente

      Chiara

      Elimina
    2. Concordo ^_^

      Marica

      Elimina
  69. Già perché i calciatori non sono il sogno di moltissime donne...

    Ma per favore

    E no, a me del calcio non me ne frega niente

    Lorenzo

    RispondiElimina
  70. Cambiando argomento, vorrei chiedere a Daniela se vorrebbe pubblicare un libro e se si che cosa.


    Vanessa

    RispondiElimina
  71. Russe, italiane, svedesi oggi sono tutte uguali.


    Eleonora

    RispondiElimina
  72. E parlare di libri?


    Sofia

    RispondiElimina
  73. Good think, Chiara

    K

    RispondiElimina
  74. Va bene Chiara che vuoi? E' la moda del momento. Per gli italiani le russe, le polacche, le rumene, le ucraine, ungheresi ecc sono le gnocche e le italiane sarebbero le cesse. Una volta era la moda delle svedesi... Ma del resto pare che molte italiane stravedono per ragazzi dell'Egitto, Marocco, cuba e Spagnoli. Io sono femminuccia ma a dire la verità me ne frego di queste sciocchezze.

    Mirella

    RispondiElimina
  75. Di russe brutte e italiane brutte ne esistono ragazzi. Comunque concordo con la professoressa Margherita


    Paolo

    RispondiElimina
  76. Io preferisco parlare dei romanzi


    Lara

    RispondiElimina
  77. Bah neanche si parlasse di donne di un'altra galassia... di russe ne ho viste e non e' che erano queste bellezze. Le italiane non sono sempre scure grasse e pelose eh!

    Vincenza

    RispondiElimina
  78. @ Barbara
    Mi dispiace ma sinceramente non so che libri legga Massimo. Forse mi pare abbia accennato che quando era giovanissimo amasse la fantascienza. Ma non ne sono sicura.

    @Vanessa
    Mi piacerebbe pubblicare un'antologia dei miei racconti di fantascienza. Però prima devo rivederli un po' e poi sottoporli a qualche editore. Ovvio che sono contraria alle case editrici a pagamento. E se riuscirò a realizzare questo mio sogno, sarete le prime che ne saranno informate. :)

    Daniela

    RispondiElimina
  79. Bah io penso che la fantascienza gli piaccia visto che la scrive :-) Però sei gentile a rispondere da vicino alle nostre domande grazie

    :-)


    Barbara

    RispondiElimina
  80. @ Barbara
    Si, Barbara anche io penso che sia logico che gli piaccia la fantascienza visto che ne scrive, ma sinceramente non mi ha detto se la legge ancora e se legge magari anche qualche altro genere (se non contiamo quando legge dei libri per recensirli). Ricordo solo che quando io gli ho scritto che ho letto i libri dei migliori autori di fantascienza americani quando ero adolescente, mi ha risposto che ha fatto lo stesso anche lui.

    Ciao Daniela

    RispondiElimina

Qui, se vorrete, potrete scrivere i vostri commenti. Vi attendo numerosi...