Translate

venerdì 16 dicembre 2011

Quando la perfezione sa di plastica





"C’era una volta una bella ragazza che si chiamava Ombra. Aveva perso entrambi i genitori ma aveva uno spiccato talento per la spada. Nonostante avesse gambe tornite, un florido seno e una fluente chioma rossa, il suo carattere era quello del maschiaccio e non avrebbe ceduto il passo a nulla e a nessuno senza combattere. A volte piangeva, ma quelle lacrime non la indebolivano, anzi! Era bella e coraggiosa e riuscì ad affermare la propria supremazia contro l’armata del Principe delle Tenebre..."


E poi… Ebbasta! Questa è la classica descrizione di un personaggio che, con poche varianti, avrete certamente letto o visto al cinema moltissime volte. Parliamo di uno stereotipo che, nella narrativa, spesso riflette l’alter ego dell’Autore, o dell’Autrice, la cui variante maschile è detta Gary S(t)ue. Le sue caratteristiche fisiche e psicologiche possono essere tante, ma per descriverla è sufficiente una sola parola: Mary Sue è una gnocca pazzesca.



Le Origini:

"A Trekkie's Tale", era un racconto scritto da Paula Smith nel 1973 e pubblicato sul numero 2 della fanzine Managerie. Protagonista della storia era, guarda caso, un luogotenente della flotta stellare dell’universo di Star Trek, serie che, allora come oggi, vantava tantissimi estimatori. Il racconto era una bonaria parodia dei personaggi tipici delle fan fiction, ovvero delle storie scritte da fan di un romanzo o film incentrate sullo stesso personaggio o su personaggi a esso corrispondenti. Spesso i personaggi di una fan fiction sono irrealistici e totalmente fuori dal contesto della normalità. Al’epoca di cui parlo, le Mary Sue di startrekkiana memoria erano adolescenti esteticamente graziose e abili in qualsiasi cosa (la stessa Smith descrive il luogotenente Mary Sue come il più giovane della flotta, neanche sedicenne!) che flirtavano con i personaggi adulti della vera serie, con improbabili storie d’amore. Col tempo, il concetto è uscito dai canoni delle parodie startrekkiane per adattarsi a ogni genere di narrativa o di realizzazione cinematografica, diventando la regina degli stereotipi.


Una possibile Mary Sue


Connotazione:



Per essere una perfetta Mary Sue, la protagonista è spesso una versione idealizzata dell’Autore o dell’Autrice del romanzo. I suoi pregi saranno più importanti dei difetti, sarà abilissima in qualsiasi cosa e nonostante tante difficoltà non soccomberà ma, anzi, farà fuori tutti i nemici, magari all’ultimo momento utile. Si tratta, in pratica, di un personaggio senza una reale caratterizzazione, troppo perfetto per essere vero e che, detta in soldoni, non sta ne in cielo né in terra. Vediamo quali sono le sue caratteristiche generali:


a) Occhi e capelli di colori inesistenti o comunque esageratamente perfetti

b) Poteri magici acquisiti per nascita (predestinazione) o abilità fuori dal comune

c) Carattere ribelle e/o tenebroso

d) Eventuali compagni di viaggio non realistici perchè troppo incapaci se confrontati con lei o inetti 

e) Un passato tragico o comunque tale da attrarre le simpatie di chiunque incontri


Proprio la caratterizzazione piatta del personaggio stride con il successo che riscuote nella storia. Mary Sue è tratteggiata come una ragazza timida e impacciata ma che subito, incredibilmente, riscuote l’ammirazione di tutti. Nei romanzi Fantasy non è difficile riconoscerla: le va tutto bene anche se frigna in continuazione. Non ha mai freddo, anche se il suo solo vestito è uno straccio di pelle sui seni o intorno alla vita. Nonostante sia un’abile guerriera NON la vediamo quasi mai in un combattimento realisticamente descritto, ma in compenso vince sempre. Il suo carattere è fiero ma sensibile (caratteristiche del tutto antitetiche tra loro) e nonostante le già citate abilità guerriere è bellissima, ha capelli fluenti, un viso angelico e occhi magnetici. Una Nihal perfetta, se ci fate caso.


Nihal

Forse la Mary Sue per eccellenza, negli ultimi tempi, è Bella Swan, il cui cognome non a caso significa "cigno": un personaggio che fa della propria timidezza e buffa goffaggine la ragazza perfetta per essere l'eroina della saga di Stephenie Meyer. Nei romanzi d’amore, Mary Sue è la ragazza di umili origini che riesce a sposare il bellone della storia o la sofisticata donna dell’alta società alla quale uomini, gioielli, ville con piscina e roba varia cadono immancabilmente ai suoi piedi. Sull’altro versante, quello maschile, Gary S(t)ue è sempre:

 
a) Bello e tenebroso

b) Coraggioso o, al contrario, un perfetto nerd ma con una fortuna incredibile

c) Sensibile oppure scontroso, ma in fondo tenero

d) E' spesso erede di una fantastica rivelazione, di un patrimonio da re o, se povero in canna, riesce abilmente a diventare economicamente rispettabile.

e) Predestinato e abile guerriero. In battaglia non riceve mai colpi potenzialmente mortali e all'ultimo momento la tal tecnica da guerra gli riesce bene per ogni azione 

f) E' ovviamente al centro delle attenzioni femminili


A parte la già citata Nihal che frigna dalla mattina alla sera e si veste come una mignotta di un club di bondage, troverete sue colleghe praticamente ovunque. Unika, eroina dell’omonima trilogia il cui primo volume abbiamo recensito proprio su queste pagine, ne è forse l’esempio più evidente. Ma di Mary Sue/Gary S(t)ue abbonda il mondo, basti guardare a tantissimi protagonisti di film e romanzi pubblicati nel corso degli anni. Chi non ha mai visto "Kill Bill", di Tarantino? Vi pare possibile che una persona per quanto brava, riesca a fregarsene delle pallottole solo facendo roteare una spada e senza uno straccio di protezione?



Per quanto ci provi, lui non può far nulla contro le pallottole...



Lei, invece...

O che Niu Riivs di "Matrix" in quattro e quattr’otto da predesti-morto diventi predesti-nato e sgomini il cattivo superprogramma senziente Smith? O che il riflessivo e sagace Sherlock Holmes diventi una sorta di supereroe Marvel nell’omonimo, recentissimo film? E gli esempi potrebbero continuare all’infinito. Mary Sue o, per meglio dire, Gary S(t)ue, sono anche tanti esempi di serial killer che in tantissimi film ollyvvudyany escogitano complessi trucchi per far fuori o comunque fare a pezzi le proprie vittime. Se state pensando all’Enigmista avrete presente il tipo.


Il Marketing:

Anche gli spot pubblicitari hanno le loro Mary Sue. Sempre più spesso, vediamo supergnocche stellari alte, eleganti, con due/tre figli, impeccabili, cucinare piatti deliziosi in meno di cinque minuti, allo stesso tempo restando mogli perfette. Lo stesso vale per gli uomini: se avete presente quell’obbrobbrio chiamato Cento Vetrine, capirete subito di cosa parlo.


Bene. Io sono convintissimo che i miei personaggi della Prima Generazione e quelli della Seconda non siano affatto rispondenti a questi canoni, ma ovviamente da buon essere umano il mio parere non è sempre perfetto. Cerco però di documentarmi al meglio e di non cadere mai nella fossa degli stereotipi. Ma come può uno scrittore alle prime armi fare in modo che il suo/la sua protagonista non risponda a questi canoni? Intanto, cercare di farsi una certa erudizione delle cose che vuole tratteggiare. Avete mai notato come, in molti romanzi fantasy odierni, i viaggi siano sempre molto lunghi ma alla fine semplici da descrivere mentre così non è per i combattimenti? Tanto è vero che solitamente si risolvono in modo raccontato e non mostrato. Si tratta di un indizio evidente che l'autore non si è documentato sulle tattiche militari. Di scarsa documentazione non sono immuni solo certi scribacchini odierni, ma anche diversi Grandi. Per esempio,  nel suo racconto "Il Tempio", Lovecraft descrive un sottomarino tedesco, l'U-29, dotato di oblò per l'osservazione, ma nessun U-boote è mai stato caratterizzato da oblò che in realtà sono pericolosi punti deboli in caso di azione bellica. Neanche il suo romanzo "Le Montagne della Follia" è esente da errori del genere. La storia è ambientata in Antartide, eppure i protagonisti non indossano mai pellicce molto coprenti così come è raro, anche se non impossibile, che un professore universitario sappia pilotare un aereo, soprattutto in condizioni ostili come quelle descritte.  E tuttavia Lovecraft non solo si documentava tantissimo, ma era anche sorprendentemente umile nei confronti delle sue (ottime) storie. La sola via di uscita dal pericolo dello stereotipo è proprio quello della documentazione e dell’esame dei romanzi più validi. Se ci fate caso, il Frodo tolkeniano non è un Gary S(t)ue perché è una persona con i suoi dubbi e relative esitazioni. Sono proprio i suoi difetti a renderlo umano e, quindi, credibile. Anche Conan il cimmero, il rude personaggio inventato da Robert E. Howard, benché agile guerriero e dal corpo “ipervitaminizzato”, nonché evidente alter ego dell’Autore (che era alto e amante dello sport) aveva non pochi difetti. Per quanto mi riguarda, il personaggio di Howard che preferisco è lo spadaccino puritano Solomon Kane, la cui caratterizzazione è allo stesso tempo precisa dal punto di vista storico e affatto portata allo stereotipo. Per esempio non ha mai una liason con nessuna e al contrario del celeberrimo 007, alias James Bond, non è particolarmente attraente, si muove in un contesto storico ben preciso anche se l’Africa howardiana era una versione un tantino esagerata della vera Africa.  


Morale della favola:

Ovviamente è più semplice descrivere personaggi perfetti, sia esteticamente che per varie abilità, ma il farlo non comporta mai un deciso passa avanti se il nostro fine è scrivere narrativa di qualità. E la moda di oggi, che vede spesso adolescenti predestinati o capaci di incredibili qualità, suona stridula. Pensate alla saga dei Transformers... Perchè mai esseri robotici "buoni" di tale potenza e dimensioni dovrebbero fregarsene di ragazzini americani o degli eserciti terrestri, dal momento che dispongono di una potenza di fuoco e interessi in contrasto con quello della nostra specie? Con quanto detto non intendo scatenare una privata caccia agli stereotipi perchè anch'essi, se ben dosati, possono concorrere a fare di una storia una buona storia. Semplicemente, ciò che lo scrittore deve fare è di cercare sempre un punto di vista oggettivo senza ricorrere a iperboliche descrizioni tanto eccessive quanto evidenti. Cosa è meglio? La supermodella della quale senza photoshop risultano evidenti le rughe d'espressione o la ragazza "solo" carina, ma più vera, che possiamo incontrare ogni giorno? Anche un bravo scrittore dovrebbe fare così, vale a dire scrivere un romanzo con il fine di separare sempre la plastica dalla vita vera, la sola in grado di regalare sapore all'esistenza.


Massimo Valentini





116 commenti:

  1. Quando leggo le tue pagine sono sempre deliziata. Carinissime queste!

    Sonia

    RispondiElimina
  2. Vero, vero. E x quanto riguarda Licia la sua Nihal ha davvero capelli blu e occhi viola... He he he

    Mariella

    RispondiElimina
  3. cavoli ma se facciamo cosi non resta un granché... Son stereotipi tutti... Film, romanzi...

    Linda

    RispondiElimina
  4. I libri di Dan Brown sono un esempio perfetto di questo...

    Vincenza

    RispondiElimina
  5. Non mi toccate James Bond anche se un tantino e' vero

    Giada

    RispondiElimina
  6. A proposito di Transformers...


    Ma quella della foto e' Megan Fox...

    Lorenzo

    RispondiElimina
  7. Ah ah ah

    Kill Bill e' esagerato alla grande come Mary Sue e secondo me Quentin Tarantino non mi pare un regista da urlo, sebbene io stesso apprezzi molti suoi film

    Riccardo

    RispondiElimina
  8. La sola cosa bella dello stereotipo e' che Megan Fox non e' da disprezzare eh eh


    Vincenzo

    RispondiElimina
  9. Indiana Jones, per esempio...

    Paolo

    RispondiElimina
  10. Un Gary di tal fatta e' sempre stato Dylan Dog dell' omonimo fumetto. A parte i palesi scopiazzamenti a film di successo ogni albo era a letto con le sue clienti, rigorosamente belle ragazze. Preferivo Martin Mystere :-)

    Monia

    RispondiElimina
  11. Per esempio quel pirla di Bryan di Boscoquieto un vero idiota...

    Jessica

    RispondiElimina
  12. Praticamente tutti i film di azione degli ultimi anni

    Mirella

    RispondiElimina
  13. Ho sempre odiato James Bond

    Simona

    RispondiElimina
  14. Uno dei personaggi migliori e non Mary Sue era Ripley della mitica S.. Weaver, ragazzi, altro che le eroine di adesso. Non bella ma vera

    Marco

    RispondiElimina
  15. Quando scrivi cose del genere ti adoro.... Carinissime e divertenti

    Angela

    RispondiElimina
  16. "La bellissima supermodella agghindata da uno stilista di grido ma della quale senza trucco e photoshop risultano evidenti cellulite o rughe d'espressione o la ragazza "solo" carina, ma più vera che possiamo incontrare nel corso della vita di ogni giorno?"

    Parole sante, Val!

    Carla

    RispondiElimina
  17. Vero, vero, specie a proposito di Kill Bill!!!!
    Però i film di Quintino TYarantino sono divertenti, dai. Veri grindouse movie che si discostano dalle solite smandrappate serie televisive italiane che parlano sempre di preti, poliziotti e copie scadenti di CSI. Senza parlare dei filmetti girati da Moccia


    Diana

    17 dicembre

    RispondiElimina
  18. uahuahuah!!!!

    Moccia è davvero il sommo regista di filmetti dove le Mary Sue son comuni come la sabbia. Per non parlare dei film di Baricco ahahahahahahahahahahahahahahahahaha


    Eliana

    RispondiElimina
  19. Praticamente Mary Sue e' la real doll di una storia

    Franco

    RispondiElimina
  20. Fantasia e specialmente novità sono gli ingredienti necessari e sufficienti per scrivere bene. Non sempre ci sono e ciò lascia personaggi risibili e soprattuto vuoti

    Margherita

    RispondiElimina
  21. X Vincenza


    Hai detto bene Langdon come personaggio sembra la bella copia dei detective idioti di Faletti

    Grazia

    RispondiElimina
  22. X Eliana
    Vabbe' ma criticare i libri di Moccia e' come sparare alla croce rossa. mi sono sempre chiesta come fanno a piacere


    Lara

    RispondiElimina
  23. A proposito di fan fiction non vi sembra
    che "Twilight" lo sembri? Praticamente ogni personaggio maschile o femminile sembra uno stereotipo

    Isabella

    RispondiElimina
  24. Per Gaia


    Hai ragione ma almeno, anche per sentito dire dovrebbero essere noti a tutti invece cosi non e'.


    Katia

    RispondiElimina
  25. Tra parentesi il primo dei libri della Meyer sembra debitore a Vampire Kisses come plot..


    Martha

    RispondiElimina
  26. Sta' , cosa della Mary Sue non la sapevo. Carina però


    Barbara

    RispondiElimina
  27. Quindi le storielle tra ragazzine e uomini più grandicelli letterariamente parlando son vecchie come il cucco. Moccia ha sbagliato anche qui hi hi


    Maria

    RispondiElimina
  28. La cosa buffa e' vedere che libri caratterizzati da questi personaggi sono osannati :-)

    Bianca

    RispondiElimina
  29. Più leggo i tuoi post più mi piacciono!


    Sofia

    RispondiElimina
  30. Labotta a Nihal e' davvero big, amico. E poi ci sembra veramente una da bondage!!!!

    E. Stefanin

    RispondiElimina
  31. Non conosco la narrativa di Lovecraft ma se era uno bravo veramente allora sono certa che.i suoi errori erano pochi rizpetto a quelli di imbrattacarte dei suoi o dei nostri tempi. Oggi però sono tanti gli scrittori senza autentica fantasia e non approvo il baby boom scrittoriale per vari motivi. Credo infatti che tutto cominciò con.Eragon di Paolini. Poi la Troisi che ha sempre scritto fantasy indegni. Poi la Strazzulla di cui calo il classico velo. Ed Elisa Rosso, Ghirardi e altri. E la cosa bella e che Nihal alla fine e' descritta meglio dei personaggi di questi ultimi. Solo una cosa... Credevo che il tempo favorisse il sorgere delle arti non il loro rimpianto. Bah

    Anna

    RispondiElimina
  32. Per Isabella...

    Per quanto mi riguarda la Meyer può coltivare cicoria

    Elena

    RispondiElimina
  33. ah ah ah Franco!!!!

    Sei un genio :-)

    Serena

    RispondiElimina
  34. Quella delle Mary Sue in giro per le storie è a quanto pare un fenomeno mica tanto nuovo!! Credo però che di Mary Sue ne vedremo sempre più con questa storia degli autori giovanissimi, specie di Fantasy. Infatti, quanti anni hanno gli autori che ultimamente ci vengono proposti? Dai 16 ai 18! Per quanto possano avere talento o scrivere bene, la loro esperienza è limitata. E se questo è il Destino del Fantasy Italiano io taglio la corda… perché poi non possiamo pretendere che il genere sia considerato adulto. Tolkien ha impiegato anni per documentarsi e, in un genere ben diverso, Manzoni 40! Con questo NON dico, ripeto, che a 18 anni scrivi schifezze, ma a che a 18 anni, anche se hai talento, non è possibile scrivere benissimo ed essere innovativi per questioni di esperienza.

    Margherita

    RispondiElimina
  35. Concordo l'età può essere un limite enorme per tantissime cose, ma nel caso dello scrittore (fermo restando che ci sia il talento iniziale) non può fare altro che aiutare.
    Proporre autori adulti (e non da pochi mesi, ma da almeno un decennio), potrebbe segnare una svolta per far si che possa avvenire lo sdoganamento del fantasy dalla scia della narrativa per ragazzi! In questo senso è da apprezzare la decisione di Val di scrivere ora “Nexius” e cioè dopo avr scritto un pacco di racconti e aver studiato tantissimi libri di ottima qualità. (se andate a vedere il topic “I miei nuovi romanzi” leggerete che ne ha spulciati 149 di qualità). Mica da ridere, ma è questione di serietà. La Strazzulla, quella de “Gli eroi del crepuscolo”, ha invece detto candida candida in una video intervista che chiunque può trovare su you tube, che non aveva mai letto fantasy a manetta prima di scrivere il suo romanzo. Che mi frega poi se l’Einaudi l’ha pubblicata? E infatti Val, ma anche Gamberi Fantasy e tanti altri l’hanno stroncata sciogliendo ogni dubbio sullo scarso stile di quel libro.

    Federica

    RispondiElimina
  36. Beh son d’accordo, a patto che però si lasci a tutti la possibilità di pubblicare se hanno talento

    Lucia

    RispondiElimina
  37. Federica cara, hai detto la parolina magica… siamo in Italia, tesoro. La patria dell’amicizia e della paroletta… magica. Ora, io non voglio criticare alcun Autore noto o meno noto, ma è evidente che leggendo tantissimi titoli italiani la voglia di afferrare certi editor per la collottola per far loro leggere, OBBLIGATORIAMENTE del vero Fantasy ti assale…

    Marco

    RispondiElimina
  38. Hai ragione. Il fatto è che il Fantasy italiano si è tirato la zappa sui piedi da solo con stè cazzate della giovane età. Non puoi far cannoni e poi pretendere di non vendere armi ai ribelli: o li fai e taci o non li fai. Lo stesso è per il Fantasy: e come si pretende che sia un genere dedicato non solo ai ragazzini? Ma sono scemi o li fanno? Li fanno, li fanno, e intanto afferrano lauti guadagni grazie a tantissimi lettori NON informati. Quanti, tra quelli che hanno letto solo Troisi e co. ha mai letto Lord Dunsany? SE lo facessero, vedrebbero che le cose che tanto amano erano state già scritte, e molto meglio, praticamente ai primi del secolo scorso.

    Bianca

    RispondiElimina
  39. Parliamoci chiaramente... sul fatto della trama concordo al 100% si deve cercare la novità e non basta copiare i soliti per scrivere buon Fantasy.


    Ornella

    RispondiElimina
  40. Io adoro l'ambientazione gotica, il fantasy,le grandi battaglie e detesto certe stronzate mielose tipicamente italiane. Stò politicamente corretto ovunque mi dà ai nervi in modo allucinante. A che serve? Tanto il mondo fa schifo e non serve fare sempre la stessa trama: solita compagnia di sfigatelli minorenni con grandi poteri alla ricerca dell’ammore e bla bla bla... E poi si lagnano se tanti definiscono il Med Fantasy un genere da bambini o da adulti deficienti? Per favore!


    Lea

    RispondiElimina
  41. D’accordo, ma così rischiamo di spaventare chi, giovanissimo vuole scrivere.


    Mariella

    RispondiElimina
  42. Per Mariella:

    Ok, ma questo non vuol dire che chiunque VOGLIA scrivere debba pubblicare sennò... Val è stato chiaro: chiunque può IMPARARE a scrivere. Scrivere capolavori assoluti è solo per chi il talento vero: è dono di nascita ;-) ma scrivere discretamente e magari essere pubblicati è per chiunque. Se lo dice Val io ci credo, cavoli. Lui è il solo che mi ha fatta innamorare di Maximus e Leyla, o di Donovan Steel o di Richard, l’indimenticabile protagonista di quel capolavoro breve che è “Il Cigno”.

    Sandra

    RispondiElimina
  43. Diciamo chiaro che l'originalità di un testo è la visione e passione che l'autore sa regalare a chi legge. Io ho letto Dunsany ed era un genio secondo me. Passando ad altro genere “Ultima Thule” di Val ha già qualche spruzzata Fantasy, specie quando il protagonista incontra Angelykaa. Cavoli, se ho versato lacrime su quelle pagine. Cavoli che stile e le descrizioni sono così vivide che ti sembra di vederlo l’Antartide! E mi chiedo: che sarà “Primus”? O questo “Nexius” che dice sarà DICHIARATAMENTE Heroic Fantasy e anche un po’ di Fantascienza? Se poi, come ha detto chiaramente, la Le Guin è una delle sue autrici favorite e lui è contro le scopiazzate, pardon, ispirazioni di tanti che oggi scrivono, mi aspetto capolavori da lui… Così si dovrebbe scrivere.

    Stefania

    RispondiElimina
  44. Mariella sai cosa? Per un buon romanzo servirebbe ogni cosa: buono stile di scrittura, buone idee, evocatività, buona ambientazione. Ora dimmi dove le trovi stè cose in Italy…


    Ornella

    RispondiElimina
  45. Licia Troisi è considerata da tutti la regina del fantasy mediterraneo. Io ho letto due o tre cose (Val non mi fulminare!!!!!) e non scrive da schifo ed è abbastanza scorrevole. Però fa degli errori che dei libri pubblicati dalla Mondadori non dovrebbero annoverare, grazie anche al lavoro degli editor. E il suo stile è piacevole, d'accordo, ma che però scriva come una Musa è fuori discussione. (Che lo sia, una musa, he he he). Ma è al livello di Dunsany o di Gaiman o di Tolkien? Non facciamo ridere i polli: no! Cedrto se la confrontiamo con Elisa Rosso o la strazzu ne esce vincitrice ma non è da strapparsi i capelli

    Elisa

    RispondiElimina
  46. Non esiste un Dunsany italiano. Punto. Val è bravo ma non ha ancora pubblicato un Heroic Fantasy e per ora ha pubblicato solo un’antologia di racconti di Fantascienza, peraltro ottimi, tre di racconti tra il Fantastico il Fantasy (sempre ottimi!!!) e un romanzo breve (bellissimo e struggente). Il talento è evidente, ma non posso considerarlo ancora allo stregua di un Dunsany. E qui sta il punto: da quanto scrive Val? Da una vita, mi pare. E con chi pubblica? Non con Mondadori o Einaudi ma con una piccola casa editrice. Questo è il punto, signori. Non sto dicendo che scriva solo in modo decente, ma al contrario, che scriva bene. E il fatto che non abbia mai pagato per pubblicare, e lo dice sempre, è indicativo della sua serietà. Però è anchevero che tanti libri pubblicati da realtà editoriali importanti sono scritti coi piedi e sono però presentati come capolavori. Queste cose sono indicative dello stato di cose in Italia. Quanti Val esisteranno qui da noi che non pubblicano? E qaunti pubblicano con piccole case editrici? Pochi? Ok, ma esistono. Ora perchè dare spazio a chi non sa scrivere e negarlo a chi non ha amicizie? COnta poi anche la perizia deglie ditor. Secondo me Val non è mai stato editato. E questo vuol dire che il suo stile è davvero puro al 100%. Immaginate cosa sarebbe "aiutato" da un ottimo editor... Val ha del talento, è puntiglioso ed è severo soprattutto con se stesso, se ci fate caso. Ha forse detto se fosse disponibile a fare editing a pagamento? No. Ha forse fatto pubblicità ossessive ai suoi libri come fanno tantissimi altri? No. Quindi, almeno a livello “scrittorio”, è modesto. Questa è una qualità, secondo me.


    Samuele

    RispondiElimina
  47. Samuele Guarda,

    Sicuramente Val non è uno dei tanti scribacchini di provincia. Già il fatto che detesti scrivere della solita roba della sua regione, è io sono cosentina doc, significa che ha le idee e la mente molto aperte. Chi non è di qui non può capire, ma qui si continuano a rompere gli zebedei con: briganti, mafia, Re Alarico, tradizioni varie… tutta roba buona e giusta ma non può essere solo questo. Val invece sembra un americano come stile e come tematiche. Ne vogliamo parlare? E non ha scritto cazzatelle tipo ragazzi coraggio o le solite storielle alla “I love shopping” che poi a me la Kinsella piace, ma, andiamo, se voglio leggere davvero, Lo Hobbit è lì sullo scaffale a poca distanza da Asimov e… Val!


    Maria Pia

    RispondiElimina
  48. Beh, speriamo che Val continui così e migliori sempre meglio il suo stile. Però questa secca decisione di procedere con la Seconda Generazione mi spaventa. Cosa aspettarci? Libri commerciali mi pare di no. Lui ODIA il commerciale! Probabilmente sono molto nuovi e forse per questo non li ha ancora pubblicati. Il mercato vuole spesso robetta e Val ha sempre detto che i suoi nuovi romanzi sono sperimentali. Scrivere sperimentale in Italia quando il massimo della trasgrescio sono i vestiti alla bondage di Nihal? (hi hi hi hi)… Secondo me avrebbe più chance a pubblicare con piccole e medie case editrici attente alla qualità e che sappiano distinguere l’oro dalla merda. Scusate il gioco di parole molto elegante…


    Chiara

    RispondiElimina
  49. Per Chiara


    Se Val scrivesse roba commerciale o sarebbe diventato pazzo o non sarebbe Val. Quindi ci puoi credere che farà solo romanzi di qualità. Il fatto che non li abbia pubblicati può voler dire tante cose e nessuna. Lo sa solo lui e forse Anto e forse Ivan (a proposito, Ivan e Anto: DOVE SIETE?) Avranno letto qualcosa, no? Sono una fan da sempre di Val ma non ho i primi due libri anche se un'amica mi ha fotocopiato qualche spezzone di "Ultima Thule" perchè andava a un liceo dove il libro era presente come testo. Ma credo che sia Ivan che Anto abbiano letto i romanzi ma che sia lui a decidere cosa devono o non devono dire. Del resto romanzi inediti che costano parecchio in termini di sudore, fatica e creatività non si buttano in pasto così facilmente. Specie se sono sperimentali. Ricordi cosa scrisse qualche post fa? Che ha deciso di passare da "Sensum" a "Nexius" per rispettare la trama del primo e usare il secondo come "scuola guida" per la trama di "Sensum". Bene, io non sono una scrittrice ma solo una lettrice anche se posso varntarmi di aver letto tanti bellisimi romanzi sia fantasy che di Fantascienza. Ma è chiaro che uno come Val esplica un'esperienza e una conoscenza tali che non mi vede proprio. Pertanto sono fiduciosa che abbia scritto qualcosa di realmente nuovo, talmente nuovo, anzi, da aver rifiutato almeno un contratto e forse da essere stato lui stesso rifiutato da tante case editrici a causa della sua novità. Ecco perchè secondo me è così cauto: è se stesso, cioè scrive seguendo le sue idee e non il mercato e allo stesso tempo agisce in modo tale da preservare e migliorare il suo stile e si suoi romanzi. Che dire? Uno così è un patrimonio per qualsiasi lettrice innamorata dell'arte scritta e dei bei romanzi.

    Vanessa

    RispondiElimina
  50. Per Vanessa:

    mi hai tolto le parole di bocca...

    Franco

    RispondiElimina
  51. Rispondo a Chiara...

    la seconda generazione di romanzi è una decisa evoluzione del suo modo di scrivere e sono d'accordo. Deve essere questo perchè lo ha detto esplicitamente e quindi dobbiamo credergli sulla parola. Ma se ricordi, è sempre stato decisamente favorevole a fare di questi nuovi libri qualcosa di sperimentale. Tutti sappiamo che sperimentare vuol dire la ricerca di qualcosa di diverso. Guardiamo alla prima generazione: racconti e un solo romanzo, peraltro breve. La seconda è solo fatta di romanzi. E romanzi nuovi, anche. E poichè lui critica molto la merdaccia pubblicata oggi e salva solo i bei romanzi, moderni o meno nuovi, scritti bene, sarebbe una caduta di faccia se scrivesse cose poco innovative o dallo stile sciatto.

    e questo sia perchè:

    1) i suoi libri finora pubblicati sono scritti bene

    2) ha deciso di cambiare tematiche

    Quindi è possibile che "Primus", tanto per citare solo quello al momento proposto, sia notevolmente diverso da quanto abbiamo letto fino adesso. Potrebbe anche non piacere, ci avevate pensato? Oppure potrebbe essere qualcosa di meravigliosamente piacevole fin da subito. E' un rischio che però corre per favorire la propria creatività. E questo, e adesso mi rivolgo a chi dice che ha pubblicato solo con piccole case editrici, te lo fanno fare solo piccole case editrici attente alla qualità e che non seguono le mode.

    Serena

    RispondiElimina
  52. X Serena:

    Infatti io proprio questo dicevo. Solo una cosa:

    lord dunsany non era un ragazzino ma uno di una certa età. Se seguiamo la logica che stiamo facendo noi, allora uno di talento, ma giovanissimo, non può scrivere al livello di uno di talento ma di una certa età. val scrive da una vita ma è giovane, anche se non come la Strazzulla e Paolini. Quindi vuol dire che deve ancora migliorarsi anche se certo possiamo dire che il suo stile è buono e del resto lo ha detto lui stesso ogni volta che ha parlato dei nuovi romanzi e lo dite anche voi: sono sperimentali.

    Samuele

    RispondiElimina
  53. Non sono d'accordo con te, Samuele

    Val è giovane ma non è proprio il tipo che ha una limitata esperienza. Tanto è vero che scrive da parecchio tempo. Rifletti: la Strazzu ha pubblicato gli Eroi del crepuscolo a
    17 anni. Quindi lo ha scritto almeno due anni prima. Certamente il suo libro sarà stato editato (pubblica con l'Einaudi!!!) e quindi migliorato. Val pubblica con la 0111: piccola. Fa editing? Non so ma non credo come una granbde realtà editoriale. Quindi lo stile di val è pulito ed è home made. E scrive infinitamente meglio della Strazzulla. Se poi cambiamo genere e passiamo a Baricco, Volo, Faletti, Melissa P, elena P Melodia che dire? Che li ha stracciati? L'esperienza buona è roba sua. Semmai vuole sciogliere ogni riserva con la nuova generazione. Secondo me è già sciolta con "Primus" ma vuol fare meglio. Questo è come la vedo io, ovviamente



    Eleonora

    RispondiElimina
  54. perdonate gli errori... scrivo da un tablet

    Samuele

    RispondiElimina
  55. Quoto le parole di Eleonora.

    X Samuele:

    io da cell, quindi ti capisco :-)

    Roberta

    RispondiElimina
  56. Serena:

    quel che dici è plausibile. Io sono fiduciosa che i nuovi romanzi sono/saranno bellissimi ed efficaci...

    Simona

    RispondiElimina
  57. Dubito che Val decida di proporre qualsiasi cosa che sia meno valido di ciò che ha già pubblicato. Credo allora che "Primus" sia mooolto più efficace e valido di "Gabbiani delle Stelle", per esempio.


    Angela

    RispondiElimina
  58. Angela:


    una cosa... "Gabbiani delle Stelle" sono racconti, "Primus" un romanzo. Categorie diverse. E poi "Gabbiani delle Stelle" è un libro molto bello.

    Rosa

    RispondiElimina
  59. Beh, scriviamo tutti da tablet o smartphone, Samuele. Io lo faccio da un Experia 10

    Stella

    RispondiElimina
  60. X Rosa e Angela:

    Racconti e romanzi sono diversi modi di scrivere ma uno non.inficia la qualità dell'altro. A pensarci bene solo noi italiani snobbiamo i racconti mentre altrove hanno la stessa dignità dei romanzi e infatti molte antologie hanno vinto premi importanti negli Usa e U.K. E per la cronaca Val ha pubblicato ben quattro antologie. Già questo e il fatto che sia stato selezionato in un Paese piu' avvezzo ai romanzi dovrebbe far riflettere sulla sua qualità. Perciò ora con i nuovi romanzi mi aspetto storie anche più belle

    Katia

    RispondiElimina
  61. X Samuele

    Credo che scriviamo tutti da mobile, tranquillo.

    X Eleonora


    Concordo!

    Carmen

    RispondiElimina
  62. X Serena


    Concordo sulle piccole e medie case editrici ma attenzione perché anche queste devono scegliere testi non solo alla moda. Diciamo invece che i nuovi romanzi potrebbero piacere meglio a editori che desiderino libri di qualità e non solo di moda

    Sonia

    RispondiElimina
  63. Chiariamo un po' le cose:

    mai detto che "Gabbiani" fosse un libro solo carino ma da gettare solo per il fatto che esistono i nuovi romanzi. Inoltre vorrei chiarire anche dell'altro: esiste una certa differenza tra racconti e romanzi che di fatto sono generi diversi, come cicoria e patate: nessuno è meglio dell'altro, ma entrambi hanno diritto di esistere. Alcuni grandi nomi scrissero solo racconti e non per questo non sono noti. Il considerare il romanzo e lasciare alla deriva il racconto è una sciocchezza tutta italiana che non trova riscontri presso altri Paesi.

    Quando ho scritto:

    " Dubito che Val decida di proporre qualsiasi cosa che sia meno valido di ciò che ha già pubblicato. Credo allora che "Primus" sia mooolto più efficace e valido di "Gabbiani delle Stelle", per esempio."

    intendevo che il fatto di aver cambiato decisamente strada per quanto riguarda la seconda generazione parrebbe indizio di un suo deciso miglioramento a livello stilistico, ma questo non inficia nè la qualità di "Gabbiani" nè quella degli altri suoi libri, ma solo un modo diverso dell'Autore di scrivere.


    Angela

    RispondiElimina
  64. Leggo le vostre opinioni e concordo specie con Serena e Angela

    il nuovo stile di Val potrebbe essere sicuramente qualcosa di molto diverso da ciò che abbiamo letto finora, come del resto ovvio quando impari cose nuove e il tuo punto di vista cambia di conseguenza evolvendosi. Qualcosa di simile accade con altre espressioni artistiche. Mai letto del "periodo blu" di Picasso, per esempio? La seconda generazione di Val quasi sicuramente è più "efficace" ma credo non si riferisca a qualcosa che un semplice lettore possa vedere ma a qualcosa di tecnico. Per esempio, credo di capire cosa intenda Val. Sta parlando spesso del "mostrare" e non del "raccontare" e questo è evidentemente unoa delle differenze. Probabilmente al momento è molto più attento a scrivere mostrando di quanto fosse prima, anche se rileggendo i suoi libri mi pare che mostrasse anche prima. Cmq potrebbe essere qualsiasi cosa. Solo lui potrebbe fare luce o, come ha detto qualcuno, Anto o Ivan o qualcuna delle ragazze del comitato. Ma credo che queste ultime restino in disparte. Non so, Ivan, potresti scrivere una tua impressione su questo? O Anto?

    Viviana

    RispondiElimina
  65. Maria Pia:

    sono una cosentina anch'io e ti capisco perfettamente.

    Grazia

    RispondiElimina
  66. Solo Val potrebbe chiarire queste curiosità. Ha già parlato molto dei suoi libri ma, se leggete tra le righe, ha evitato di scendere nei dettagli. Anche qui è molto divrso da siti di altri scrittori, emergenti o esordienti. Di soliti questi ultimi fanno una gran fanfara lui invece ha sposato un atteggiamento defilato, quasi sfuggente e se avete notato non risponde mai in modo diverso dallo scrivere i post. E' davvero raro che risponda così come sto facendo io adesso. Sembra davvero il "classico" scrittore solitario ed eccentrico. E misterioso, a dircela tutta fuori ^__^

    Erica

    RispondiElimina
  67. Per Erica:


    almeno sappiamo che aspetto ha dalle foto sulla quarta dei libri che poi combaciano con quella di "Gabbiani". :-)

    Mirella

    RispondiElimina
  68. Mah, ragazze, ma vi rendete conto che quando scappano i pettegolezzi si va sempre a finire ad avanzare curiosità?

    Ma scusate: 5 libri pubblicati, divulgatore per riviste mensili e chissà cos'altro e avrà una sua vita privata, no? Vorrà dire che forse il suo tempo libero è centellinato? Quanto tenpo serve per scrivere un post dei suoi o una recensione? E se fa recensioni qui pensate che non ne faccia altrove? Quanti libri legge e scarta? E vogliamo parlare della sua attività di scrittore? Senza considerare poi che sembra sua intenzione scrivere in un certo modo e scrivere è un'attività non certo facile, a meno che non ti chiami Moccia o Meyer, ovviamente!!!!!!!!!!!!!!

    A me è capitato di vederlo spesso con Anto ed è sempre gentilissimo e assolutamente non dispotico quando chiede qualcosa (lavoro in un locale ma non posso dirne il nome: il capo non vuole per motivi di privacy anche se lo legge!)

    Va bè non è uno che vuole essere al centro dell'attenzione, non si vanta in giro o, almeno, a me così è sembrato ma non ci ho mai parlato perchè il mio locale non è un consultorio e loro sono sempre clienti!Epnso però che è una persona speciale anche per questo. Sono certa che se mi avvicinassi e gli chiedessi un autografo sarebbe dispostissimo e sorridente. E anche per il fatto di scrivere o meno poesie e pensieri come ho letto nel vecchio topic... io ho un po' paura a farlo ma non perchè credo sia una specie di ORCO ma solo perchè mi vergogno a far leggere cose mie, forse sciocchezze, a uno che ha pubblicato cinque volte e che è capace di rifiutare contratti di pubblicazione che non gli piacciono! La soggezione dell'alunno? La vogliamo spiegare così? Ma questo non vuol dire nulla: probabilmente la sua risposta sarebbe gentilissima!


    Simona

    RispondiElimina
  69. Riporto questo stralcio dal post "Talento & Tecnica"

    "...Per quanto riguarda me, la mia Seconda Generazione è la fase sperimentale dei miei romanzi, quando cioè decisi che il tempo della mia Prima Generazione era finito e che avrei dovuto guardare oltre se non volevo ammuffire e scrivere sempre le stesse cose. In altre parole, se volevo davvero evolvermi. Ve ne accorgerete quando leggerete “Primus”..."

    Credo valga più di mille parole quanto intende fare con i nuovi romanzi.

    Marica

    RispondiElimina
  70. Vabbè torniamo a noi senza disquisire ogni volta sulla vita privata delle persone.

    Sonia ha ragione secondo me.

    Non sempre le piccole case editrici sono attente alla qualità di un testo ma anche alla sua commerciabilità. Ricordo una volta in cui lessi di un editore che, intervistato, diceva che il mercato richiedeva certe cose e lui era quasi obbligato a pubblicare libri su quella linea. Non solo: diceva anche che aveva dovuto scartare tanti testi validi ma non commerciali. Potrebbe essere questo uno dei motivi per cui il nuovo romanzo di Val non è stato ancora scelto? Anche se questo non è esatto: lui ha rifiutato un contratto per quello stesso romanzo. Credo che a questo punto dipenda sia dalle sue decisioni che da quelle degli editori.

    Laura

    RispondiElimina
  71. Vorrei far notare che Val ha rifiutato effettivamente un contratto ma ha anche detto che il libro è al momento al vaglio di un altro editore. Non penso che i tempi di valutazione siano rapidissimi quindi secondo me questa discussione potrebbe rivlerasi una bolla di sapone

    Lorenzo

    RispondiElimina
  72. Bah, io credo che "Primus" sarà pubblicato. Se un libro è valido è pubblicato, ragazzi. Poi dipende dalle case editrici e siamo d'accordo, ma qui non parliamo di majors ma di piccole e medie realtà. Probabilmente, anzi quasi di sicuro, Val ha selezionato bene. Non dice nulla per non dare notizie sballate al momento sbagliato. Non c'è niente di strano, no?

    Roberta

    RispondiElimina
  73. E' sempre la solita storia del cane che si morde la coda: solo val o le persone che lo conoscono così bene da aver letto qualcosa della nuova generazione potrebbero fare luce...

    Eleonora

    RispondiElimina
  74. non capisco questa fretta: prima o poi Val dirà le cose a suo tempo.

    Sofia

    RispondiElimina
  75. Per Erica:

    scusa, ma non credo che Val sia così misterioso, alla fine. Vero è che non commenta quasi mai sul forum ma dobbiamo anche considerare che ha una vita fatta di lavoro e impegni privati. Ha scritto 5 libri, è un divulgatore, scrive post qui e legge tantissimo oltre ovviamente a scrivere per conto suo. Non credo abbia tempo per molto, alla fine. Anzi, per me è un pregio il fatto che non gridi ai quattro eventi quanto "è bello e bravo" come fanno tantissimi esordienti o emergenti e non mi pare neanche uno che si vanta eccessivamente. E ' invece educato, gentile e sorridente. Lo dice una che a volte lo vede, insieme ad Anto, come cliente del mio locale. Non mi sono mai avvicinata a loro chiedendo un autografo o anche solo per scambiare quattro chiacchiere perchè il capo - che è un suo lettore - non vuole che noi dello staffa parliamo così con i clienti. Però fidati: non è uno scostante. Sembra, invece, perfino timido.

    Simona

    RispondiElimina
  76. Sono fondamentalmente d'accordo con voi.

    Intanto, per quanto riguarda la pubblicazione del nuovo romanzo: una cosa curiosa è che "Primus" non è, come il titolo sembrerebbe dire, il "primo" dei nuovi romanzi, ma il secondo. Prima di esso Valentini ha scritto "I segugi di Newton", titolo vagamente misterioso a parer mio già di suo, che NON ha mai proposto avendogli prefe4rito proprio "Primus". Chi ne conosce il motivo? Anche perchè il nostro Autore preferito non è tipo da inviare a tutto spiano manoscritti in visione quà e là ma anzi ha sempre detto di fare una certa selezione, cosa vera e giusta. Sarebbe carino conoscere il motivo di questa scelta che potrebbe anche essere il genere di ISDN che è fantascientifico. Altra cosa curiosa: quanto è nuovo "Primus"? Non abbiamo nulla davanti per giudicarlo, neanche "Gabbiani delle Stelle", ovvero l'ultimo suo libro, e per due buone ragioni: è un'antologia di racconti e fa parte della Prima Generazione mentre "Primus" è un romanzo e fa parte della seconda. Anche per noi, che siamo fan accanite, è quindi un mistero. Sono d'accordo con chi dice che potrebbe anche non piacerci, visto che si tratta quasi certamente di un titolo assai diverso da quelli ai quali siamo abituati. Io però sono fiduciosa e penso sarebbe piacevolissimo perchè, evoluzione o no, Valentini scrive bene. Dobbiamo vedere cosa intende con evoluzione e io credo intenda il modo di scrivere e gli argomenti. Se fossi una che ama indovinare direi che si è stancato di parlare di storie oniricheggianti e d'atmosfera come quelle della Prima Generazione per approdare all'oceano di libri più d'azione, altrimenti perchè scrivere un Heroic Fantasy nudo e crudo come afferma sia il nuovissimo "Nexius"? Insomma, la Seconda Generazione sembrerebbe davvero tutta nuova e anche innovativa. Non mi stupirei se Valentini stesse sperimentando nuove forme narrative e ne scartasse parecchie. Ricordiamoci che non è uno scrittore fatto a tavolino, ma uno indipendente. Come tale la creatività è migliore dei vari nomi che leggiamo presso la Mondadori, l'Einaudi o la Piemme e varie altre case editrici importanti perchè i suoi non sono libri commerciali e più liberi da limiti editoriali (non è un bestsellerista) però la fatica è più seria e l'innovazione migliore proprio per questo: almeno fino a quando non approderà a una Casa Editrice grande e notissima, nessuno gli chiederà mai di replicare il successo di un libro e quindi lui potrà dare sfogo alla propria vena artistica al meglio e questo è un pregio secondo il mio modo di vedere. almeno secondo me. Poi, staremo a vedere...

    Margherita

    RispondiElimina
  77. Se "Nexius" sarà, come dici, Margherita, un Heroic Fantasy nudo e crudo mi aspetto meraviglie, e dico sul serio. Un romanzo anni luce avanti rispetto al Med Fantasy che impazza oggi, con tutte quelle sciocchezze pucciose alla "Unika"...

    Rosa

    RispondiElimina
  78. Però, Simona, così ci fai sentire il profumo ma non ci servi il piatto...


    Lucia

    RispondiElimina
  79. Beh, quel che dice Margherita è realmente intrigante ma... dovremmo saperne qualcosa da Val o Anto o Ivan ma tacciono!!!!!


    Monica

    RispondiElimina
  80. Secondo me queste sono solo illazioni. Dobbiamo attendere novità e a questo punto credo sia meglio aspettare che Val parli dei romanzi o della pubblicazione di "Primus" quando questo sarà selezionato.

    Mara

    RispondiElimina
  81. Per Simona:

    confermo quanto dici: Val ha fatto un salto da noi, dopo regolare richiesta ufficiale fatta da un professore, presso il nostro Istituto che possiede alcuni dei suoi titoli, e ci ha firmato le copie :-) A me come alle mie amiche, ci è sembrato una persona gentile e disponibile anche se ovviamente eravamo un po' in soggezione sapendo che... era proprio lui. Però un po' sfuggente lo è, anche timido, credo. Un tipo alla Allevi, ma in senso buono, "artistico". Detto questo, non voglio generare discussioni su cose del genere. E non dirò qual è la mia scuola :-)

    Samantha

    RispondiElimina
  82. Beh diciamo la verità... è carino parlare di queste cose ma sono destinate a essere misteriose almeno fino a quando Val non deciderà di conseguenza e quindi sono illazioni ok, ma piacevoli


    Serena

    RispondiElimina
  83. E' vero, Serena. Anche io amo parlare e "chiacchierare" su questi argomenti, specie se riguardano i nuovi libri di Val. :-)


    Azzurra

    RispondiElimina
  84. X Lucia


    a dire la verità i piatti li servo e quindi capisci bene che x vari motivi il detto "bocca mia stai zitta" é valido

    Simona

    RispondiElimina
  85. Per Samantha:

    Val sarebbe come Allevi? Vuoi dire timido?

    Barbara

    RispondiElimina
  86. Proprio vero che la realtà é sempre diversa dalla fantasia! Non pensavo fosse timido ma arcigno. Come serietà voglio dire

    Franca

    RispondiElimina
  87. Se é timido che vuol dire, che la competenza sia di altri? Essere timidi può anche significare essere poco attratti dalla socialità ed esserlo invece alla riflessività.


    Lina

    RispondiElimina
  88. Credo la discussione sia andata OT

    Mauro

    RispondiElimina
  89. Le acque sono silenziose, commander Margherita...


    Jessica

    RispondiElimina
  90. Non sono un' esperta di materie letterarie ma di scienze economiche e quindi la mia testolina non ha la capacità fantastica necessaria a cercare di capire quello.di uno che con le parole e la stessa fantasia ci lavora pertanto risolvo la faccenda con la logica chiedendo un parere ai piani alti

    Angela

    RispondiElimina
  91. Scusa Rosa, per Med Fantasy intendi il Fantasy Italiano?

    Margherita

    RispondiElimina
  92. X Serena

    Non voglio certo polemizzare ne' con te ne' con altri ma solo far notare che fare illazioni é come parlare del tempo tra una birra e un panino

    Paolo

    RispondiElimina
  93. X Laura

    Concordo


    Sandra

    RispondiElimina
  94. X Samantha

    Che scuola? Curiosa

    Maria

    RispondiElimina
  95. Penso che Mara dica la sola cosa che potrebbe far capire le intenzioni di Val... A questo punto possiamo parlare di altro


    Bianca

    RispondiElimina
  96. Per Margherita:

    Med Fantasy che io sappia dovrebbe indicare appunto il fantasy nostrano, ma non sono certo un'esperta. Solo, avevo letto che questa era l'etichetta dei libri italiani del genere...

    Rosa

    RispondiElimina
  97. Massimo Valentini21 dicembre 2011 16:04

    Intervengo brevemente per "rassicurarvi" sulle mie intenzioni letterarie. "Primus" è al vaglio di una nuova Casa Editrice di cui aspetto i primi risultati al più presto ma, probabilmente, a gennaio. Quanto a "Nexius" e "Sensum" procedono secondo la mia evoluzione stilistica, cosa del resto normale per chiunque svolga un'attività creativa che va incontro a modifiche dettate da una diversa, e spero migliore, consapevolezza di nuove tecniche narrative. I libri della cosiddetta nuova generazione obbediscono infatti a una ricerca estetica che non disconosce certo quella precedente ma anzi la esalta ("ISDN") o la migliora (lo stesso "ISDN" e "Primus"). "Sensum" e "Nexius", invece, essendo arrivati più recentemente, sono la palestra ideale per sperimentare nuove forme narrative che spero potranno piacervi quando saranno pubblicati. Grazie del vostro affetto e delle vostre piacevoli osservazioni

    RispondiElimina
  98. Come diceva un vecchio cartone con Duffy Duck "pochi, maledetti e subito!"

    Ehi Val, grazie della info. Beh, da un lato tiro un sospirone di sollievo :-) dall'altro sono curiosa, ovviamente, he he. Okkey però, me ne starò buona buona. Spero che "Primus" e gli altri vengano pubblicati presto e che si possa leggerli!!!!

    Stella

    RispondiElimina
  99. Ciaooooooooo Val!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    D'accordo, sono felicissima di questa cosa. Speriamo che la nuova casa editrice ti pubblichi presto!

    Sandra

    RispondiElimina
  100. Informazione intrigante... ci penserò sopra e magari avanzerò qualche ideuccia. Mi piacciono certe speculazioni letterarie, mi divertono


    Margherita

    RispondiElimina
  101. Belle notizie. Grazie Val

    Eleonora

    RispondiElimina
  102. Quindi "I segugi di Newton" sarebbe una evoluzione della prima generazione come in parte anche "Primus". Evoluzione... mumble mumble...

    Sofia

    RispondiElimina
  103. Auguri a "Primus" e agli altri libri di bellissime e veloci!!!! pubblicazioni!

    Elisa

    RispondiElimina
  104. Ehi Val, grazie!!

    Son contenta che le cose procedono bene. Mi associo ai commenti delle altre fan.

    Federica

    RispondiElimina
  105. Bene. Auguri anche da parte mia per i nuovi libri. Non so come si dica per voi scrittori (in bocca al lupo?) comunque sia, spero che i nuovi lavori abbiano ampia distribuzione e soddisfacente pubblicazione.

    Samuele

    RispondiElimina
  106. Ciao Val!! Sempre un piacere quando commenti. un saluto da una fan stramegaultraiperinnamorata delle tue bellissime storie

    Sara

    RispondiElimina
  107. Ottime notizie


    Riccardo

    RispondiElimina
  108. Notiziona uau! Bè, Val guarda che anche noi, cioè la sottoscritta più cognata, attendiamo con ansia di leggere le tue nuove opere

    Cristina

    RispondiElimina
  109. Immaginavo che il tuo approccio fosse graduale, infatti. Detto questo i miei migliori auguri per i nuovi romanzi

    Ivane

    RispondiElimina
  110. I miei complimenti x il tuo lavoro!


    Mariella

    RispondiElimina
  111. Adoro i tuoi libri da sempre. Spero di leggere questo le tue opere più nuove

    Francesca

    RispondiElimina
  112. Ehi, sono anch' io una fan stramegaultraipersuper ecc ecc innamorata delle tue mitiche storie. :-)

    Ornella

    RispondiElimina
  113. Auguri anche da parte mia!

    Lara

    RispondiElimina
  114. Speriamo bene per i nuovi libri. Ehi, Val, solo per me dovresti offrirmi un caffè e chiedo poco hi hi. Tra me e il mio ragazzo abbiamo acquistato per noi e per le nostre amiche otto libri tuoi, tra gli ultimi tre...

    Rosa

    RispondiElimina
  115. Val, GRAZIE A TE DI FARCI SOGNARE!

    Erica

    RispondiElimina

Qui, se vorrete, potrete scrivere i vostri commenti. Vi attendo numerosi...