Translate

venerdì 20 gennaio 2012

La Narrativa Bizzarra



La Narrativa Bizzarra, italica traduzione del termine anglosassone “Bizzarro Fiction”, è una derivazione della corrente letteraria chiamata New Weird, a sua volta modernizzazione del Fantastico classico. Come ramo, tale corrente letteraria esiste da poco tempo, circa una decade, grazie alla pubblicazione di una Casa Editrice di larghe vedute ma di poca rilevanza economica, la Eraserhead Press (lett. “Stampa tagliatrice di teste”) fondata nel 1999 da Carlton Mellick terzo, a sua volta autore dello stesso genere. Parliamo di storie volutamente esagerate, irriverenti e allucinate come e più delle storie New Weird. Anche i titoli sono eloquenti: “Zombie e Shit”, “Satan Burger”, “The Haunted Vagina” di Carlton Mellick III, ma anche  SZMONHFU di Hertzan Chimera, “Skimming the Gumbo Nuclear” di M. F. Korn rendono già l’idea di cosa parlano. Tuttavia la nascita ufficiale del termine “Bizarro” è ancora più recente della nascita del genere stesso: il 2005, quando cioè le tre principali case editrici specializzate, la già citata  Eraserhead Press, l’Afterbirth Books e la Raw Dog Screaming Press decisero che “Bizarro” era un eccellente termine per indicare il genere delle loro pubblicazioni. La logica usata dagli scrittori di Bizzarro Fiction è tipica dei cartoni animati dove le vicende ruotano attorno a fattori ed eventi non sempre rispondenti a scelte di causa ed effetto. L’ambientazione è tendenzialmente instabile e il lettore esperto, ma avvezzo solo a fatti chiaramente pre-ordinati dallo scrittore Fantastico, potrebbe trovare tali storie bislacche e inverosimili. Tuttavia questo non si evince e se questi libri, a condizione che vengano scritti da persone competenti, non sono affatto stupidi o erotici in modo gratuito come potrebbero sembrare. Si tratta invece di libri intelligenti, spesso beffardi.
 
Copertina di "Razor Wire Pubic Hair" di C. Mellick III
 
Opere decisamente sconosciute in Italia dove, accanto a esponenti avant-garde del panorama letterario mondiale, troviamo troppo spesso pseudo opinionisti televisivi di libri il cui solo fine nella vita è blaterare di ampollose argomentazioni pseudointellettuali intorno a casi editoriali spesso costruiti a tavolino e, come tali, privi di qualsivoglia valore estetico. Immaginate cosa sarebbe, per questi signori, recensire “The Haunted Vagina”, che vede il protagonista esplorare la vagina della propria fidanzata che per qualche ignoto motivo è diventata il regno dell’oltretomba, o “Sex and Death in Television Town” dello stesso Autore, che descrive una società modellata sui vecchi western abitati da banditi ermafroditi che combattono all’ultimo sangue contro abitanti dal corpo umano ma dalla testa a forma di televisore.
 
Copertina di "Shatner Quake" di J. Burk
 
Altro libro molto carino, almeno per chi scrive, è “Shatnerquake”, di Jeff Burk, che descrive personaggi interpretati da William Shatner, l’indimenticato Capitano Kirk della celebre prima serie di Star Trek, che vagano per il nostro mondo per trovare e distruggere l’attore in carne e ossa. Uno dei libri più divertenti è “Help! A Bear is Eating Me!” di Mykle Hansen, che poi è anche il solo libro del genere tradotto e pubblicato qui da noi dalla Meridiano Zero con il nuovo titolo di “Missione in Alaska”. Ora, a parte che il titolo reale, “Aiuto! Un orso mi sta mangiando!”, rende meglio l’idea, c’è da dire che si tratta anche del libro forse meno Bizzarro tra quelli esistenti, anche se presenta una varietà di elementi differenti dai canoni del New Weird.
 
Copertina italiana di "Help! A Bear is eating me!"
 
La storia vede quale protagonista un idiota arrivista attratto solo dal dio denaro che, finito schiacciato dal proprio SUV, vede con orrore un orso avvicinarsi e divorargli i piedi. Mentre assume anestetici per combattere il metodico lavorio della bestia, riflette sulla sua vita e comincia a parlare ad alta voce di orsi e della moglie da lui tradita con uno stile talmente beffardo da apparire quasi comico. A questo punto è bene precisare che New Weird e Bizzarro Fiction non sono affatto la stessa cosa, ma generi differenti. Vero è che presentano svariati elementi fantastici comuni ma il New Weird, di solito, presenta storie di più elevato valore artistico mentre, al contrario, la Bizzarro Fiction è nata per divertire chi legge, non per cercare una perfetta forma estetica della narrativa. Questa è almeno l'opinione dei critici a stelle e strisce, anche se chi scrive non pensa che la Bizzarro fiction sia semplicemente qualcosa da leggere e buttare, perchè molte delle storie sono particolarmente ben costruite e mostrano qualità ben superiori a tante altre di generi diversi. Non è ovviamente il caso di parlare di Bizzarro fiction qui da noi, almeno degnata di uno sguardo da parte del nostro sistema editoriale. In Italy va di moda il Med Fantasy, genere da non disprezzare, certo, anche se i libri delle varie Allibis, Troisi, Strazzulla, Rosso, ecc. non sono certamente a livello di nessuna storia di Bizzarro fiction che abbia mai letto! Lasciando perdere le opinabilissime scelte editoriali nostrane, dobbiamo dire che anche il cinema annovera ottimi esempi di film Bizzarri che molte volte sono di produzione orientali, giapponesi in primis. Solitamente B Movies non sempre di eccelsa qualità, non è raro trovare però vere e proprie opere d'arte di celluloide. Gli esempi sono tanti, ma non è questo il post adatto per parlarne. Bastino solo tre nomi di registi del Sol Levante come Minoru Kawasaki, Takashi Mike e Shinya Tsukamoto autori di film a tratti sgradevoli ma certamente intelligenti e coraggiosi, spesso snobbati dalla critica occidentale.  Per quanto riguarda la vostra curiosità relativa alla mia Seconda Generazione vi anticipo già che “Primus, l’uomo che sognava di vivere” è un esponente del New Weird e non della Bizzarro Fiction, anche se alcune scelte stilistiche sono certamente allucinate e distanti dai soliti schemi usati, almeno qui da noi. Ma questa, come si dice, è un’altra Storia…

Massimo Valentini

76 commenti:

  1. Sembra bella la Bizzarro Fiction! Caspita VAL ogni volta che leggo qualcosa di nuovo da te scritta penso che non c'è nulla che tu non conosca!

    Sonia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che bella è bizzarra!!! Leggerei la storia dell'orso

      Serena

      Elimina
  2. più leggo quel che scrivi più mi piace come scrivi!

    Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più leggo come scrivi più mi chiedo quanto genio sei...

      Stella

      Elimina
  3. Uomo, ma quante cose sai? Bella la copertina del primo libro. Sarebbe metal con una bella strato dreamer tra le... grazie della ragazza! Continuo a credere he tu sei davvero un artista nudo e crudo!

    Marcello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di artista è artista fidati. Cacchio Gabbiani delle Stelle ha convinto anche mia madre che di solito non legge mai!!!

      Lina

      Elimina
  4. Sono così curiosa Val! Voglio leggere i nuovi romanzi!


    Jessica

    RispondiElimina
  5. Già Gabbiani delle Stelle è uno dei migliori libri che abbia mai letto, ora non oso immaginare quali capolavori tu scriva o abbia gia' scritto. Che bello sarebbe parlare di persona!

    Margherita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quanto mi riguarda è IL MIGLIORE. Tranne forse il bel racconto del Cigno


      Samantha

      Elimina
    2. Riconosco che questo genere di narrativa non sembra piacermi molto e sono contenta di sapere che "Primus" é New Weird e quindi artistico (e immagino piu' delicato e piacevole). Con i tuoi libri è bello sognare

      Katia

      Elimina
    3. Che genere curioso!

      Lina

      Elimina
    4. Felice di sapere che il nuovo "Primus, l'uomo che sognava di vivere" é new weird e quindi arte come gli altri tuoi libri. Sai, io non sono bigotta, ma questa bizzarro fiction è davvero bizzarra! Sarei curiosa di leggere la storia sul capitano Shatner/Kirk :-)

      Anna

      Elimina
    5. Non si contano tutte le volte che ho letto Gabbiani delle Stelle e non solo esso ma anche gli altri tuoi libri. Continua a farci sognare Val. Ìa tua narrativa è soave e delicata.


      Cristina

      Elimina
    6. Sono libri strani. Se ho capito bene sono bei libri ma scritti all'eccesso rispetto al new weird che invece tende a una qualità più artistica e meno esagerata. Logico allora che il nuovo Primus sia new weird e non bizarro fiction visto come ci hai abituati.

      Marzia

      Elimina
    7. Che libri curiosi! Se sono ironici li leggerei

      Erica

      Elimina
    8. E ti pareva che da noi pubblicassero questa roba. A me non piace, almeno da quanto scrivi su questa corrente, ma non apprezzo neanche Goya o IL Satyricon di Fellini o certi.film di Kubrick come Arancia Meccanica. Questo non vuol dire che mi fanno.schifo.solo che non fanno per me. Così mi pare essere per questa bizzarro fiction. Leggerei qualcosa solo se ne scrivessi tu perché ti seguo da una viga e adoro il tuo stile. Pero' come al solito hai ragione quando ti scagli contro il perbenismo ipocrita italiano. Tutti santi e sante e poi si scoprono gli altarini


      Marcella

      Elimina
    9. Se in Italia si pubblicassero questi libri non ci sarebbero nè i nostri politici nè il gretto buonismo, sarebbe in pratica una società migliore

      Martha

      Elimina
    10. Sono curiosa... Come sarebbe un tuo romanzo bizzarro fiction? Sai che lo leggerei?

      Eliana

      Elimina
    11. Qualsiasi cosa tu scriva la leggero' e sarà bella!


      Ivane

      Elimina
    12. Allora Primus è New Weird, Nexius Heroic Fantasy, ISDN Fantascienza soft... Sensum è Bizzarro Fiction?

      Vanessa

      Elimina
    13. Capisco che la tua mente e la tua voglia di sperimentare sono aperte ma da quanto sembra questa corrente è un tantino pacchiana. Non.credo scriverai roba del genere anche perché il sesso è una cosa l'erotismo un'altra. Da te mi aspetto, se Primus le contempla, scene di una sensualità dolce e delicata, torrida e di passione visto come hai descritto i sentimenti con Ultima Thule e per certi aspetti anche con Il mondo delle bambole. Ricordo che fantasticai di una possibile relazione tra la scienziata Sue e Max quando lessi il tuo romanzo. Ma adesso il tempo è trascorso ed è giusto che uno scrittore si evolva. Solo che.il tuo stile è raffinato e quindi se sesso dev'essere che sia descritto come solo tu sai descrivere le cose, da pelle d'oca

      Serena

      Elimina
    14. però!


      Lorenzo

      Elimina
    15. Questa bizzarro fiction sembra carina!

      Vincenza

      Elimina
    16. La copertina della ragazza discinta è splendida! Te la immagini pubblicata da noi? Con tutti i vippetti toccati ipocritamente dalla grazia solo x guadagnare credito? Salvo poi pubblicare le cazzate della P!! W la Bizzarro Fiction!


      Simona

      Elimina
    17. Sarebbe bello se scrivessi qualcosa di questo genere, Val. Io comprerei subito

      Mirella

      Elimina
    18. Sexy la ragazza del "pubic hair" he he!

      Marco

      Elimina
    19. Sei troppo bravo Max!!! Mi piace la narrativa bizzarra. Poi hai nominato Mike... Che dire? Sei un gringo di gusti validi!

      Riccardo

      Elimina
    20. Sei sempre lo scrittore preferito mio e della mia sister.. Wow questa narrativa bizzarra sembra fantastica!


      Azzurra

      Elimina
    21. Ehi, la ragazza del "Razor wire pubic hair" é la mia immagine sputata anche se di solito il mio modo di vestire è migliore ah ah ah

      Angela

      Elimina
    22. Carina questa bizzarro fiction... Forse un po' taaaaanto sexy! Comunque la leggerei


      Carmen

      Elimina
    23. Se bizarro fiction dev'essere la preferirei scritta da te. Almeno sarei certa che sarebbe di qualità visto come scrivi.

      Jessica

      Elimina
    24. Deliziosa questa corrente letteraria. Mi chiedo se ne scriverai o se ne parli solo come divulgatore. Alle volte mi chiedo come sarebbe un romanzo un tantino ose' con la tua firma. Altro che le sciocchezze di Melissa P... Sarebbe divertente

      Chiara

      Elimina
  6. La tua narrativa è sempre stata sul mio comodino. Ora è tra i miei sogài, dal momento che voglio anch'io leggere i nuovi romanzi. Adoro il Fantasy e vorrei leggere il nuovo "Nexius"

    Eleonora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tra i miei di sogni :-)

      Monia

      Elimina
    2. Ovviamente concordo!


      Silvietta

      Elimina
  7. Premettendo che apprezzo molto il post e che condivido in pieno le tue opinioni sulla situazione italica, devo ammettere di non essere molto attratto da questo sottogenere che considero forse troppo estremo. Preferisco un Fantasy o meglio ancora un SF con un’abbondante spruzzata di weird. Non faccio il moralista beninteso, datemi pure pagine splatter, di sesso, horror e bizzarrie varie, ma le preferirei inserite in una trama con radici classiche. Il Giappone penso sia un discorso a parte, le trame made in Jap hanno da sempre una dose di stranezze più elevata della nostra, sia che si tratti di manga che di libri o di film. Parte della loro cultura, che considero comunque migliore dell'ipocrisia occidentale. Restando in tema, qualche tempo fa ho letto “Orgoglio e pregiudizio e zombie”, versione horror del classico della Austen. Non so se faccia parte del genere ma lo consiglio, è divertente.

    Ivan

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non parliamo dell'ipocrisia occidentale, italica specialmente!!!

      Loredana

      Elimina
  8. A me sembra figa la narrativa bizzarra. La leggerei con piacere

    Samuele

    RispondiElimina
  9. Conosco "Orgoglio e pregiudizio zombi". Dissacrante e scanzonato ma piacevole. Sono concorde con la catalogazione di Val e quindi non credo sia bizzarro ma solo un romanzo tipico del Fantastico classico

    Margherita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te Margherita. Letto senza aspettarmi nulla, si è invece rivelato divertente!

      Monica

      Elimina
    2. Non ho letto "Orgoglio e pregiudizio zombi" ma ho letto "I promessi vampiri" che si è rivelato una sorta di parodia. divertente!!!!

      Ornella

      Elimina
  10. Ho letto "The haunted vagina" in inglese scaricandolo come file elettronico e credo sia davvero divertente, come giustamente dici anche tu parlando qi questo genere di romanzo. Finisce inoltre in modo amaro quanto basta e non è affatto vm 18 come il titolo potrebbe far credere. Certo, non è per tutti. Bello questo articolo, come al solito. Non sono molti i siti che parlano della Narrativa Bizzarra

    Franco

    RispondiElimina
  11. Per Ivan

    possiamo essere in disaccordo su cosa ci piaccia o non ci piaccia ed è questione di gusti. Non ho letto il romanzo di cui parli anche se l'ho visto svariate volte in libreria anche a prezzi stracciati. Non ho neanche mai letto alcuna storia Bizzarra ma conosco Takashi Mike ed è un grande regista, anche i suoi film sono eccessivi e oltre lo splatter!

    Maria Pia

    RispondiElimina
  12. Wow sembra carina questa narrativa bizzarra, peccato non si trovi nulla in lingua italiana. Ordinerò il romanzo edito dalla Meridiano Zero

    Lea

    RispondiElimina
  13. Come al solito concordo con te sul perbenismo italiano e discordo invece da chi si distanzia da un genere senza mai averne letto nulla. Anche a me fa schifo Picasso e i dadaisti non mi dicono nulla, ma se ne voglio parlare serve che ne guardi i quadri e magari segua una mostra. Così è anche per la narrativa. Penso ordinerò qualche libro. Grazie Val!

    Isabella

    RispondiElimina
  14. Sembra una vera figata questa narrativa! Penso leggerò la storia della Meridiano Zero!!!

    Barbara

    RispondiElimina
  15. Mi piacciono queste storie specie se come dici sono irriverenti e sarcastiche. E non sta scritto da nessuna parte che una femminuccia non possa apprezzare titoli come questi!

    Laura

    RispondiElimina
  16. Come al solito hai scritto un altro capolavoro, Val!!!!

    Non ho mai sentito nulla di questa narrativa ma sembra eccitante. Leggerò qualche romanzo.

    Bianca

    RispondiElimina
  17. Cara Angela se sei come la gnocca della copertina.. Penso di amarti


    Paolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se sono gnocca ma di certo sembra la mia immagine.

      PS: grazie del compli ma sono sposata.

      Angela

      Elimina
  18. Non sembra narrativa x me anche se ti ringrazio di avercela spiegata. Se x caso scrivessi un romanzo del genere certamente lo leggerei perché sarebbe tuo essendo io una fan scatenata dei tuoi libri, ma spererei che scrivessi altro e per.fortuna Primus, Sensum, Isdn e Nexius sono differenti fiuuuu!


    Mara

    RispondiElimina
  19. Oggi viviamo un'epoca che presenta diversi generi senza alcun genere. Voglio dire che anni fa esistevano horror, fantascienza, fantastico e fantasy. Poi i romanzi storici e quelli di cappa e spada, quelli alla love story e per bambini. Oggi invece vediamo un coacervo di stili, contaminazioni, generi che confondono chi, come me, non ha una preparazione valida come la tua. Se a questo aggiungiamo anche il fatto che si pubblicano libri scadenti ma presentati come rivelazioni la confusione è stellare. Questo post aiuta a far chiarezza e di questo ti ringrazio anche se non mi piacciono questi libri... Preferisco i tuoi e mi auguro che scriverai sempre puntando alla qualità artistica così come ci hai mostrato, noi semplici lettori o fan affezionati

    Elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io per esempio non ho ancora capito cosa sia la cosiddetta 2narrativa mainstream".. alcuni dicono che è roba commerciale, altri che invece è roba fuori dagli schemi. Non se sa...

      Lara

      Elimina
  20. Non avevo pensato al cinema giapponese ma credo che tu abbia ragione. Gli orientali hanno da sempre il gusto per il bizzarro e non dimentichiamo lo splatter. Titoli che da noi non sono apprezzati come forse dovrebbero. Nel caso di Mike che giustamente nomini ai vari saloni cinematografici è stato spesso apostrofato in modo àegativo a causa dello splatter mooooolto splatter dei suoi bizzarri film.

    Diana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mike è un genio visionario! Volevo segnalate "Testuo the iron man" non di Mike ma ugualmente un classico del cinema bizzarro giapponese.

      Riccardo

      Elimina
  21. Letto ieri «The haunted vagina» in inglese. Di strano è strano eh!!! Anche volgarotto specie quando l'autore descrive la... Dell ragazza ma è scritto bene. Consiglio questo libro. Certo è strano e un po' volgare ma almeno è molto meglio di uno qualsiasi della Melissa P... Quelli sono libri senza senso veri e propri!


    Federica

    RispondiElimina
  22. "The haunted vagina" è relativamente facile da procurarsi, a patto di conoscere la lingua, è chiaro. Per il resto anch'io sono una di quelle persone che si chiedono perchè questi libri non sono pubblicati anche qui da noi. No perchè, se pubblichiamo Melissa P e la Mazzantini, che di sesso non ne risparmiano, perchè non anche la Bizzarro fiction?

    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho avuto l'ardire di leggere un libro della Mazzantini una volta sola e sul serio non capisco come possa essere non solo di successo ma proprio pubblicabile. Uno stile smozzicato, quasi criptico, sesso a go-go che, per come è raccontato, a mio parere è pornografico, storie che sono una uguale all'altra. Bah!

      Mirella

      Elimina
  23. beh, io ancora non ho capito cosa sarebbe la "narrativa mainstream"... tanto per dire che in effetti esistono tanti, troppi generi secondo me! :-)

    Sara

    RispondiElimina
  24. Ordinato il romanzo di Hansen!!!!!! Vedremo!

    Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te lo consiglio! ;-)

      Molto carino, devo dire, anche se parecchio hot!!!

      Elena

      Elimina
  25. Di certo non è "Viaggio a..." di Brosio un romnanzo del genere ma che importa? "Lolita" di Nabokov fu considerato quasi blasfemo all'epoca! Secondo me questo perbenismo esagera!

    Lucia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, Lucia, Brosio nooooooooooooooooo! Per favore!!!!!! :-)


      Monia

      Elimina
  26. Brosio? Ma chi quello di. "Viaggio a M.?" Aaaaaargh!!!!!!!


    Azzurra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio lui. Già dalla copertina non è che propria invoglia a leggere :-)

      Lucia

      Elimina
  27. "Lolita" fu considerato effettivamente un libro perverso e solo per delle scene che oggi farebbero ridere x quanto sono praticamente accennate! E' cmq un romanzo incredibilmente moderno e ben scritto, niente a che vedere con libretti davvero osceni come quelli di certi nomi sia italiani che stranieri. "Ho voglia di te", per esempio e l'orrido film trattone con le solite, lagnose canzoni di Ferro a dirne una! Quelli son libri e film osceni, altro che Nabokov e Kubrick


    Linda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me Tiziano Ferro piace ma mi... spiace che abbia dato le sue canzoni per quel film immondo. Non capisco suls erio come certe vaccate possano piacere, cinematografiche o libresche siano. "Libresche", mica letterarie, perchè Moccia tutto potrebbe fare tranne che scrivere libri decenti.

      Erica

      Elimina
  28. Ma cavoli, Lucia, Brosio no, dai! Insieme ai titoli della Meyer, Moccia e Volo lo considero uno dei nomi meno in grado di essere sugli scaffali di una libreria.


    Giada

    RispondiElimina
  29. No ragazzi, passi per certi nomi ma Brosio non si può leggere. Persino le stronzate di Allevi, Jovanotti e company pubblicate su carta son meglio dei "viaggi" di Brosio!


    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso non esageriamo: Viaggi religiosi in formato libri hanno diritto di esistere come ogni altra cosa. Ciò che non dovrebbe esistere è il buonismo aggratise italiano...

      Marica

      Elimina
  30. Odio il perbenismo e la sua declinazione x eccellenza. Non ho mai letto nulla di Brosio, quindi mi fido di chi lo ha letto, perché sono uno che pensa che la propria fede e il proprio "io" più veri debbano essere conservati e non mostrate come invece fanno personaggi grezzi e donnine mostra tette in tv. Questo non vuol dire che sia contro la religione di nessuno e anzi credo di essere molto più "fedele" io di tante fanciulle di trenta e passa anni che organizzano matrimoni da favola e poi stregheggiano a casa rompendo pure le palle con stupidi programmi televisivi assortiti. O di certi odiosi bigotti che tutte le domeniche si battono il petto e poi non tollerano neanche i gay o i matrimoni civili o semplicemente il pensiero di gente diversa, certamente una minoranza, che ha il coraggio di svelare il vero aspetto di certe persone che si professano cattoliche o comunque credenti e poi sbavano e defecano veleno contro il mondo, salvo poi aspirare al matrimonio col fesso del momento. Sono ot e me ne rendo conto. Val puoi anche non pubblicare il mio pensiero ma io ti considero un artista vero perché, anche se non ti ho mai visto di persona, mi sembri animato da competenza e sano cinismo. L'artista non obbexisce agli ordini di nessuno e piange lacrime di sangue ma non si abbasserà mai a seguire isterismi, femminili o maschili che siano, pena la morte prr distruzione cerebrale. Tutto questo x dire la mia su un libro? No, in effetti. Tutto questo per incoraggiare chi dice no, citazione vasconiana necessaria, a una vita mediocre accanto a esseri altrettanto mediocre, facendo finta di essere buoni e bravi pur essendo autentici pezzi di m. Credo che i libri siano, o comunque lo sono stati, importanti per pensare e non per leggere le stronzate alla Moccia o le sviolinate ipocrite alle Vespa o le cazzate alla Corona, o le barzellette dei politici, o le avvoltoie firme su delitti e assassini che tanto deliziano le genti avide di dettagli apocalittici x sfuggire a una vita da isteriche zitelle in attesa di un matrimonio irreale e che si credono intelligenti e intanto sbavano con American Idol o le frociate alla "Re Pazzo". Oggi il coraggio non esiste più, i veri libri sono pochi e le genti sprizzano ipocrisia da tutti i pori, detestano Monti e magari inneggiano alla pagliaccio di Arcore e alla sua cricca di lardosi e laide baldracche. Povera Italia e poveri gli spiriti degli uomini che hanno gettato sangue e vita se la vedessero ridotta così. Gente che non legge perché non ha tempo tranne quello di vedere la tv perché li rilassa ignorando che un buon libro rilassa chi riflette e non chi riflette veleno sullo schermo di un vuoto mondo uscito da un reality da quattro soldi


    Marcello

    RispondiElimina
  31. Una volta lessi uno dei libri mocciosi, "Amore 14", sissignore, dopo aver letto la spassosa rece di Val. Non l'avessi mai fatto! Pensavo di trovare un libro solo scadente, da leggere e dimenticare, e invece ho trovato qualcosa di inenarrabile. Come faccia un tizio a scrivere ignorando cosa sia una storia non dico bella ma almeno ben scritta, staccato dalla realtà come un aereo, in modo indecente per quanto riguarda la morale non capisco. Ho gettato via il libro dopo pagina 64, alla quale sono arrivato con sprezzo del pericolo, quello dell'infarto per la rabbia.Val ha proprio ragione su questi libretti. Ma come si fa a immaginare che una madre insegni a delle 14enni il sesso con una lavagnetta? Quelle cretina decerebrata di Caro è una Mary Sue fatta e finita, odiosa e viziata come in tutti i libri di Moccia. Una che non si scandalizza a desiderare una macchina invece del motorino. E per chi dice che la Bizzarro Fiction sia troppo erotica... Non dimentichiamo certe cazzate della P che non esita a descrivere, senza la minima capacità descrittiva peraltro, dc ne pornografiche irreali e squallide prima ancora che tristi, o dei libri della Mazzantini come qualcuno faceva notare, o della saga Fantasy "La spada della verità" che di splatter e sesso ha fatto la propria bandiera e dello stesso Moccia, con la differenza che i suoi libri sembrano scritti, e in effetti SONO scritti in modo davvero mediocre. Proprio non capisco come sia possibile il successo di questo signore, che avrebbe fatto molto meglio a stare a essere solo uno degli autori di programmi trash alla "Ciao Darwin" e cavolate del genere


    Jessica

    RispondiElimina
  32. Non ho letto uno solo di questi libri e non apprezzo la cinematografia giapponese e quindi non parlo da esperto ma solo come utente affezionato di Gabbiani delle Stelle. Ho letto pochi titoli italiani, solitamente fantasy, e ne zono rimasto sempre annoiato se non francamente disgustato. Mi chiedo quale sia la perversa ragione che faccia decidere case editrici gloriose a pubblicare autentiche vaccate e non libri.coraggiosi. La Bizzarro Fiction, lo dico, non mi pare migliore o più brutta dia altri generi, solo diversa. Perché non pubblicarla? La gente non la capirebbe o siamo ormai troppo convinti che
    Noi italiani possiamo leggere sempre e solo di vampiri e dei soliti elfi e draghetti? Ma perché "Unika" non sarebbe oscena?

    Vincenzo

    RispondiElimina
  33. Le librerie le considero templi dove trovare libri di ogni genere dal grande romanzo al libretto dei calciatori e quindi anche i libri che parlano di esperienze religiose hanno il loro perché. Mai letto niente di Brosio quindi parlo in generale, eh! Poi non è che di romanzi buoni, classici a parte, ne abbia visti a bizzeffe. Mi chiedo per quale motivo la Mondadori o altri editori non pubblichino più titoli validi stranieri o come diceva Val anche libri di scrittori veramente bravi italici come Zuddas, ad esempio.


    Lucia

    RispondiElimina
  34. Naaaaa, ragazzi. Mi rivolgo a chi dice che questo tipo di narrativa sarebbe hot. Beh, lo è ma cos'avrebbe di diverso da certi libri, non solo italiani? In uno dei romanzi di Follett ho letto di un cunnilinguus esplicito per diverse pagine.



    Gaia

    RispondiElimina
  35. Concordo,Gaia! Il sesso è ovunque e allora meglio che i libri che ne parlano sono di qualità :-)


    Sofia

    RispondiElimina

Qui, se vorrete, potrete scrivere i vostri commenti. Vi attendo numerosi...