Translate

sabato 28 gennaio 2012

"Who Goes There?", recensione film e romanzo






La recensione di oggi riguarda uno dei classici sia delle narrativa fantascientifica che della cinematografia che ha visto diverse interpretazioni dello stesso concetto, ovvero l'incontro tra esseri umani e un organismo alieno ostile. Parliamo di “Who Goes There?” letteralmente, “Chi va là?”, di John Campbell, uno dei migliori autori di Fantascienza degli anni Cinquanta. Si tratta di un romanzo breve che ebbe due trasposizioni cinematografiche. La prima fu "La cosa da un altro mondo" di Howard Hawks, e la seconda fu "La Cosa", di John Carpenter, nel 1982. In realtà esiste anche un altro film ispirato al soggetto, il prequel "The Thing", del 2011, ma di questo ne parleremo in altra occasione.  Per ragioni di economia di spazio ho infatti deciso di dividere questo articolo in due puntate in modo da esaminare bene sia il romanzo sia le sue versioni cinematografiche, e dare quindi a voi la possibilità di discutere in modo esauriente dei differenti aspetti della trama. Ma andiamo con ordine partendo dal romanzo. Campbell scrisse il suo “Who Goes There?” nel 1938, facendo uso di un pseudonimo, quello di Don A. Stuart. Perché? Per il semplice motivo che lui era già noto come scrittore di Space Opera, un genere fantascientifico abbastanza fracassone capace di storie che potevano andar bene per i pulp magazine alla “Astounding Stories” e roba simile. Ma per i romanzi di migliore qualità, ossia per quella che anche all’epoca era considerata Narrativa di serie A, usava appunto uno pseudonimo.


John W. Campbell J.R.

La trama è abbastanza semplice: un team di scienziati al Polo Sud trova una nave aliena sepolta da milioni di anni nel ghiaccio. Nel tentativo di liberarla dalla calotta usano bombe incendiarie causando così la distruzione del prezioso reperto. Ma qualcosa si è salvato della nave: il suo pilota, un essere che è rimasto sepolto nel ghiaccio dall’aspetto mostruoso che evidentemente era riuscito a uscire dal velivolo o ne era stato espulso in fase di atterraggio. Gli scienziati portano l’alieno alla propria base con l’intento di eseguire l’autopsia al più presto possibile. Purtroppo per loro, l’essere non solo non è morto, ma è in grado di sopravvivere apparentemente per sempre, risvegliarsi e fagocitare altri organismi assumendone al tempo stesso la forma. Non solo: è anche in grado di facoltà telepatiche che gli consentono, letteralmente, di soggiogare le proprie vittime con una certa facilità. Lo stile del romanzo è molto moderno e le azioni sono veloci ed efficaci. Campbell non perde tempo a descrivere l’aspetto dei personaggi che in questo libro appaiono come ombre, manichini che si agitano sullo sfondo il cui solo protagonista è proprio la Cosa. Uno degli aspetti che più mi è piaciuto dei personaggi di questo libro è che nessuno si comporta da idiota, come è invece si è soliti fare in moltissimi film horror o di SF, “Alien”, in primis. Gli scienziati descritti dall’Autore sono individui intelligenti e lucidi e, proprio perché ricercatori, sanno benissimo che il solo modo per combattere l’orrendo nemico non è quello di diventare isterici o perdere il controllo, ma di agire in modo coordinato. Anche il loro nemico, la Cosa, è un essere intelligente e lo dimostra speso e volentieri. Si tratta della classica lotta senza esclusione di colpi perché è in gioco non solo la vita degli umani ma del mondo. Ecco un dialogo significativo che, molti anni dopo, fu praticamente riadattato da Carpenter per la sua versione cinematografica del romanzo. Si tratta del dialogo che vede Blair, il medico della base, sezionare la prima vittima del mostro, uno dei cani da slitta di nome Charnauk”:


“Ma cosa avrebbe voluto fare, secondo te?”
“Non so, controllare il nostro mondo, immagino.”
“Così, da solo?” ansimò Connant. “Diventare un dittatore solitario?”
“No.” Blair scosse il capo. Il bisturi con il quale stava giocherellando cadde; si chinò a raccoglierlo, e il suo volto rimase nascosto, mentre parlava. “Sarebbe diventato la popolazione del mondo.”
“Diventato… avrebbe popolato il mondo? Si riproduce asessualmente?”
Blair scosse ancora il capo e deglutì. “Non… non ne ha bisogno. Pesava quaranta chili. Charnauk ne pesava circa quarantatre. Sarebbe diventato Charnauk, e gli sarebbero rimasti ancora quaranta chili per diventare Jack, per esempio, o Chinook. Può imitare qualunque cosa… cioè, può diventare qualunque cosa. Se avesse raggiunto l’oceano antartico, sarebbe diventato una foca, o magari due foche. E le foche avrebbero potuto aggredire un’orca, e diventare orche, oppure un branco di foche. O forse avrebbe divorato un albatros, una procellaria, e sarebbe arrivato a volo all’America meridionale.”
Norris bestemmiò sottovoce.
“E ogni volta che avesse digerito qualcosa e l’avesse imitata…”
“Avrebbe avuto a disposizione la sua massa originaria, per ricominciare,” terminò Blair. “Niente potrebbe ucciderlo. Non ha nemici perché diventa quello che vuole diventare. Se una orca l’avesse aggredito, sarebbe diventato un’orca. Se fosse stato un albatros, e un’aquila l’avesse attaccato, sarebbe diventato un’aquila.”


Come ho già detto, Campbell seguì la regola che anch’io vado predicando da un po’ di tempo: usare solo il necessario per la storia tagliando scene ed elementi superflui in modo da rendere la storia il più possibile scorrevole ed efficace. I personaggi di questo romanzo non sono molto approfonditi e solo il clima del luogo è descritto con una certa enfasi, ma in modo calcolato: Campbell usa il fattore climatico come espediente per segnalare al lettore che la base degli umani è praticamente isolata e che dovranno cavarsela da soli. Davvero un altro mondo rispetto alla paccottiglia di romanzetti Horror che spopolano da noi, dove l’inforigurgito la fa da padrone rendendo noiosa la fruizione delle storie. E stiamo parlando di un romanzo del 1938… Trattandosi di un classico posso anche rivelarvi come finisce: gli scienziati riescono a distruggere la Cosa e esaminano la navetta che l’essere aveva tentato di costruire per sfuggire ai suoi nemici. Campbell inoltre persegue lo schema dello “Show don’t tell” e si vede, perché le descrizioni delle scene, delle aggressioni del mostro e delle reazioni degli umani sono da cardiopalma. Intendiamoci: “Who Goes There?” non è certo un libro perfetto perché, ad esempio, l’Autore avrebbe potuto certamente dedicare qualche paragrafo a caratterizzare meglio i personaggi in modo da non farli sembrare tutti uguali, però la narrazione è fluida ed efficace e se fosse pubblicata oggi sarebbe un’opera molto gradevole.

Locandina italiana del film "La Cosa da un altro mondo", di H. Hawks


Howard Hawks e La Cosa:

“Scarface”, “Red River” e altre classiche pellicole degli anni ’50 sono solo alcuni dei lavori di Hawks che tredici anni dopo la pubblicazione di “Who Goes There?” decise di trarne un film con il titolo “La cosa da un altro mondo”. Come spesso accade, il film ha poco in comune con il romanzo e molte differenze. Prima di tutto l’aspetto politico, e quindi la nevrosi dell’invasione sovietica, paura tipica del cittadino medio americano che vedeva ogni nuovo giorno con il rischio di trovarsi l’Armata Rossa a marciare a pochi passi dal giardino di casa, e che convinse il regista a fornire una potente connotazione propagandistica alla pellicola. Sul piano della trama, la “Cosa” diventa un essere dalle caratteristiche vegetali assai inquietanti, ma perde la possibilità di imitare le altre forme viventi. Sebbene sia molto intelligente non divora le proprie vittime, le uccide soltanto. L'alieno vuole solo sfuggire ai suoi persecutori e per farlo adotta ogni mezzo a propria disposizione. Uno dei motivi per cui Hawks decise di cambiare carattere e aspetto della Cosa furono i mezzi tecnologici a disposizone dell’industria cinematografica del periodo.


"La Cosa" secondo H. Hawks

Sarebbe stato impossibile ricreare un alieno in grado di cambiare forma come quello descritto da Campbell e l’esigenza di non rischiare scarsi incassi convinse Lee Greenway, l’esperto di effetti speciali del film, a realizzare 18 differenti tipi di “Cosa” per soddisfare le pretese del regista. Non solo: l’attore che impersonava il mostro, James Arness, dovette girare vestito da alieno per Los Angeles ogni volta con un make-up diverso, fino a quando le reazioni della gente diventarono abbastanza spaventate da convincere il regista del risultato. Una delle differenze del film con il romanzo (e con la versione di Carpenter) è il fatto che la base artica è comandata dai militari e non è una installazione civile. Come ospite anche un giornalista, descritto in modo abbastanza ingenuo per la verità, che serve a creare un legame empatico tra le vicende del film e il pubblico in sala. I ricercatori di Hawks sono inetti o, come si direbbe in America, “teste a uovo”. Uno di essi, Carrington, è convinto che sarebbe molto utile comunicare con la Cosa e ci prova lui stesso, salvo poi essere ucciso dall’essere. D’altra parte, il ruolo dei militari è chiaro: uccidere il mostro senza se e senza ma, perché il ricorso alla violenza è visto come il solo modo per liberare la Terra dal pericolo di un alieno senza sentimenti in giro per il mondo. Questo aspetto è il vero lato moderno del film. Oggi, sebbene spesso  i film horror essudino violenza da ogni poro, la violenza è vista in genere come disprezzabile, sostituita dal ben più pacifico “dialogo”. Questa visione dipinge gli eventuali personaggi militari come rudi “colli di cuoio” tutti muscoli e poco cervello, ma sebbene sia una stereotipo, tale espediente narrativo è a mio modo di vedere  preferibile, dal punto di vista della verosimiglianza. Ecco, per esempio, un dialogo famoso tratto da “Fanteria dello Spazio” di Robert Heinlein, altro nome noto della Gold Science Fiction degli anni ’50 ( e di ogni tempo, a dirla come si deve):


“Una nostra compagna gli disse a bruciapelo: “Mia madre sostiene che la violenza non ha mai risolto niente.”
“Davvero?” Il signor Dubois la guardò come se non la vedesse. “Sicuramente i cartaginesi sarebbero lieti di saperlo. Perché tua madre non va a dirglielo?”
Non era la prima volta che litigavano, visto che nella sua materia non si poteva essere bocciati non c’era bisogno di far restare buono il signor Dubois.
“Mi sta confondendo con una scema?” Ribatté lei, “Lo sanno tutti che Cartagine è stata distrutta migliaia di anni fa.”
“Mi era sembrato che fossi tu a non saperlo” disse lui con aria cupa. “Ma, dal momento che lo sai, non sembra anche a te che la violenza abbia deciso il destino di quella città in maniera alquanto definitiva? In ogni caso, non stavo scherzando te, ma stavo deridendo una teoria assurda, abitudine alla quale non rinuncerò mai. A chiunque si attenga alla dottrina storicamente inesatta, e completamente immorale, che la violenza non ha mai risolto niente, vorrei consigliare di evocare i fantasmi di Napoleone Bonaparte e del duca di Wellington, e lasciare che discutano la cosa tra loro. Il fantasma di Hitler potrebbe fare da arbitro e la giuria potrebbe essere formata dal dodo, dall’alca impenne e dal piccione viaggiatore. La violenza e la forza bruta nella storia hanno risolto più situazioni di qualsiasi altro elemento, e chiunque pensa il contrario è un illuso. Le specie intelligenti che hanno dimenticato questa verità fondamentale hanno regolarmente pagato l’errore con la vita e la libertà.”


Questo non è il luogo né il momento per discutere dell’uso della violenza nei film o nei romanzi e neanche della pratica del “politicamente corretto” che tanto va di moda oggi, ma è mia intenzione discutere dell’aspetto narrativo. L’atteggiamento dei militari del film di Hawks è chiaramente a senso unico, ma era dettato dalla paranoia contro i Sovietici. Pertanto, anche per come finisce il film, con la solita e ormai patetica frase “Guardate i cieli! Guardate i cieli!” va interpretato con un occhio di riguardo al periodo storico. Discorso diverso per un romanzo o un film scritto oggi. L’uso della violenza indiscriminata è certamente da condannare, ma se dobbiamo descrivere scene d’azione, se vogliamo narrare qualcosa di verosimile, allora è inutile affidarsi all’improbabile ma a ciò che sarebbe l’atteggiamento più logico davanti a un pericolo. Nessuno evacuerebbe con calma un edificio in preda alle fiamme per paura di calpestare altre persone viste come "vittime innocenti”, ma il senso di autoconservazione tipico di qualsiasi essere vivente scatenerebbe il panico incontrollato. Lo stesso dicasi sul campo di battaglia, sia essa una lotta tra due o più individui sia una guerra vera e propria. Cercare di far virare la storia verso sentimenti di “pace & prosperità”, per dirla alla Signor Spook, può essere una soluzione, ma dobbiamo guardare al contesto, altrimenti ci ritroveremo per le mani una storiella infantile e di scarsa qualità. E infatti, dal punto di vista della scorrevolezza, il romanzo di Campbell è nettamente migliore del film di Hawk, che pure non rinuncia alla violenza dei militari, ma non in modo così rude. Il film di Hawks è una schifezza, allora? Non proprio perché, come abbiamo già detto, un'opera va letta o guardata a seconda del proprio contesto storico. Con la Guerra Fredda come spauracchio dell’Occidente, il film di Hawks ha certamente senso, ma a parere di chi scrive è stato superato in ogni aspetto da quello molto più moderno di Carpenter che, sia detto per inciso, realizzò anche una versione più fedele al romanzo.


Fine Prima Parte



Massimo Valentini

82 commenti:

  1. Ricordo di aver visto il film da ragazza ma non mi spaventò più di tanto... "Guardate i cieli!" è una frase che ricordo come pure un assurdo dialogo tra gli scienziati che chiamavano l'essere "carota gigante". Il film di Carpenter è molto meglio!


    Sonia

    RispondiElimina
  2. Eeh "La cosa da un altro mondo"! Bei tempi... Ero una bambina quando lo vidi.

    Chiara

    RispondiElimina
  3. Come al solito, ottima rece, Val

    Sandra

    RispondiElimina
  4. Bellissimo film, per l'epoca. Lo ricordo ancora


    Monia

    RispondiElimina
  5. Ottimo romanzo... Lo lessi in biblioteca quando marinavo il liceo.

    Lina

    RispondiElimina
  6. Mai letto questo libro, ma ho visto il film di Carpenter. Spaventoso, ma bello!

    Elisa

    RispondiElimina
  7. Bella recensione

    Cristina

    RispondiElimina
  8. Grande Val e grande romanzo. Bellissimo e davvero spaventoso.

    Carmen

    RispondiElimina
  9. Che poi se non erro questo film era in bianco e nero...

    Elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione, era un BN abbastanza suggestive, e la musica elettronica lo era altrettanto- inoltre in itallia venne doppiato dalle più famose voci dello schermo- Infatti per doppiare una COSA simile ci volevano attori di talento, per via del susseguirsi di rapide battute che richiedevano tempismo, riflessi e sincronia da parte dei doppiatori-Peccato che per limiti tecnici abbiano dovuto modificare l'aspetto dell'alieno e qualche altro dettaglio della storia, pazienza, a rendere giustizia al racconto originale ci ha pensato il "Nanni Carpentier" nel 1982 -ciao giorgiou

      Elimina
  10. Un classico della Fantascienza di ogni tempo il romanzo di Campbell. Bravo Val, sempre ottime recensioni. Attendo la seconda puntata

    Lea

    RispondiElimina
  11. Stupendo romanzo ma orrenda copertina. Mai visto questo film

    Anna

    RispondiElimina
  12. Eh, il film lo ricordo ancora. Quando ero piccola mi spaventai.

    Maria Pia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece trovo il mostro di Hawks francamente ridicolo. Se è un vegetale come mai ha un aspetto umano? Sembra il mostro di Frankenstein e quelllo Bpriss Karloff! Eh eh eh. Meglio la "Cosa" di John Carpenter!

      Ornella

      Elimina
    2. Scusa Ornella, ma credo che Val sia stato molto chiaro. Il film di Hawks è figlio degli anni Cinquanta e come tale va interpretato. E' vero che il mostro ha un aspetto fin troppo umano ma è anche vero che non esistevano gli effetti speciali di oggi. Del resto anche l'uomo lupo, all'epoca, era visto come un uomo con un po' di peli falsi fino al midollo e non parliamo di Dracula o di altri mostri.

      Linda

      Elimina
  13. Non ho letto nè visto questo film. Però ricordo molto bene quello di Carpenter... Orribilmente bello!

    Grazia

    RispondiElimina
  14. Mitico film!!!!

    Lorenzo

    RispondiElimina
  15. Il libro di Campbell è molto bello. Ottimo articolo Val..

    Marco

    RispondiElimina
  16. Adoro il fiìm di Hawks. Forse meglio di quello assai più moderno di Carpenter. Mi ricorda la mia infanzia. Sarà per questo


    Vincenzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero. E poi non dimentichiamo che Hawks ha firmato autentici capolavori del cinema!

      Martha

      Elimina
    2. Anche a me il film in questione piacque molto. Ed è anche una storia riuscita: credo che sia il meglio di ciò che si poteva fare con attori in carne e ossa senza la disponibilità della moderna Cgi, vi pare?

      Stella

      Elimina
  17. Non ho letto il romanzo ma sembra carino

    Silvietta

    RispondiElimina
  18. Non ho letto e neanche visto questo film, anche se ho guardato di recente "La cosa" di John Carpenter. Che dire? Mi fa un po' schifo x le scene splatter ed effettivamente fa paura. Sarei curiosa di leggere il romanzo

    Eleonora

    RispondiElimina
  19. Mi piacerebbe leggere il libro... Si pubblica ancora?

    Mirella

    RispondiElimina
  20. Il romanzo sembra una figata ma sul film passo!

    Marcello

    RispondiElimina
  21. Scrivi sempre post di qualità Val!

    Francesca

    RispondiElimina
  22. Graaaaande Val! Questo film mi fece paura e la Cosa di Carpenter moooooooooolto di più.


    Vanessa

    RispondiElimina
  23. Un romanzo molto moderno. Sarebbe bello leggerlo ma dubito si trovi in giro

    Marica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, se vuoi vampiri che luccicano ne trovi. Mi fa ridere, amaro, il fatto che Campbell scrivesse con uno pseudonimo i romanzi migliori, mentre oggi tanta gente si vanta col proprio nome e cognome di aver scritto sciocchezze

      Martha

      Elimina
    2. Vi quoto, ragazze

      Loredana

      Elimina
    3. Beh oggi con gli effetti speciali digitali fanno tutto col computer. Una volta invece facevano pupazzi e effetti che facevano lavorare tante persone, quasi degli artigiani. Oggi appare tutto costruito a tavolino

      Diana

      Elimina
    4. Sciocchezze come i film italici! Anzi, negli anni scorsi si facevno anche da noi film horror e di fantascienza, sebbene non smepre di qualità. Oggi solo fiction travestite da film.

      Maria

      Elimina
    5. Ma come, Martha? Ma se qui da noi abbiamo girato "Gomorra", "Baaaaaaaaaaaaria" e "Baciami ancora"... per non parlare di "Hellò Kitty", pardon, di "Amore 14"... capolavori!!!!!! :-)

      Serena

      Elimina
    6. credo si possa trovar: magari lo devi ordinare presso le librerie internazionali...citando autore (John Campbell jr) e titolo (Who goes there- originale) (La Cosa- italiano) ciao ciao Giorgio

      Elimina
  24. Ehi, bella rece Val


    Sara

    RispondiElimina
  25. Bel romanzo. Lo trovai alla biblioteca della mia scuola. Non credo oggi sia pubblicato ed è un peccato. Lo ricordo bene.

    Mariella

    RispondiElimina
  26. Vidi il film da bambina...

    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io vidi quel film da piccola

      Vicky

      Elimina
    2. Mi piaceva molto il film di Hawks... Secondo me un capolavoro per l'epoca. Poi è ovvio che il film di Carpenter è migliore, con effetti speciali migliori, ecc. li dividono decenni di tecnologie di effetti speciali


      Roberta

      Elimina
  27. Penso che il dialogo tra il burbero Dubois e la ragazza sia molto moderno. Non ho letto nulla di Heinlein e anzi se non era x te neanche sapeva esistesse, ma sono schifata dall'ipocrisia politicamente corretta di moda oggi. La violenza ha sempre risolto le controversie, altro che dialogo. Si può dialogare con i terroristi? Ma x favore. Non è bello da dire ed è triste ma il mondo non è panna e fragole. Leggero' il libro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so chi tu sia, amico, ma sono concorde con te

      E. Stefanin

      Elimina
    2. Bel dialogo davvero. E non scherzo: si dovrebbe farlo imparare ai kattokomunisti

      Marcella

      Elimina
    3. Beh, da che mondo e mondo le competizioni si vincono con i fatti non con le belle parole.

      Rosa

      Elimina
    4. Assolutamente d'accordo. È stupido e ipocrita pensare che il dialogo sia la panacea di tutto. Oggi il personaggio Dubois avrebbe portato a esmpio Osama Bin Laden. Vacci a parlare con gente del genere...

      Paolo

      Elimina
    5. Ma che dite, esseri kattivi!!!!!! Non sapete che le guerre e gli assassini si combattono con una fetta di torta e una chiacchierata stile Don Matteo?

      Eleonora

      Elimina
    6. "Si vis pacem para bellum" dicevano i latini. «Se vuoi la pace prepara la guerra»


      Lara

      Elimina
    7. Per Marcella


      Io dai politicanti italioti sono schifata destra o sinistra ma detesto quelli che non dovrebbero neanche esistere perché ormai dinosauri di un'epoca finita. Che diavolo significa "cattocomunisti"? O sei "catto" o "comunista", punto. Già dal termine si capisce quanto logici sono... Un bel viaggio senza scorta in Iran o uno dei tanti paesi dove fiori e cannoni non abitano insieme e vedi come scappano!

      Sandra

      Elimina
    8. Ehm, consiglio di evitare di sporcare il blog con politica e affini. Non credo che Val approverebbe senno' ne avrebbe già parlato

      Chiara

      Elimina
    9. Io detesto la violenza ma penso che in determinati contesti sia purtroppo necessaria. Dipende dalla situazione e dal momento. Certo l'eccesso è altra cosa ma è per questo che le regole e il buon senso dovrebbero essere i riferimenti

      Michela

      Elimina
    10. Ah ah ah Rosa, sono d'accordo. Bella frase


      Alessandra

      Elimina
    11. X Michela

      Parli di regole e buonsenso e hai ragione ma chiediti se regole.e buonsenso hanno qualcosa.a che fare con gli idioti politicanti italioti...


      Isabella

      Elimina
    12. Un bel grazie a Berty, Bersey e a tanti imbecilli che confondono la violenza con le canne dei radical chic e chi vuol capire capisca

      Bianca

      Elimina
    13. "La violenza ha sempre risolto le controversie, altro che dialogo."

      Questo non è del tutto esatto: la violenza è una forma contenitiva immediata che agisce su un sintomo (ed implica il futuro ripresentarsi del problema, in forma possibilmente aggravata). La contrattazione (δια λογος) offre possibilià di risoluzione sul lungo periodo, ma a costo di un compromesso.
      Quindi: hai ragione, ma solo sul breve periodo; a lungo termine la contrattazione (o, più impropriamente, dialogo) risulta QUASI sempre in un bilancio finale più conveniente.

      "Fanteria dello spazio" di Heinlein offre una panoramica sulla prima parte della teoria di cui sopra: consiglio la lettura del suo altro romanzo "La Luna è una severa maestra" (R. A. Heinlein, 1966) per una visione più completa sul tema.



      R.

      Elimina
    14. Signor o signora "R",

      il dialogo che in gergo politico tra Stati si chiama Diplomazia serve proprio a evitare il più possibile l'uso delle armi. Ma il dialogo dev'essere efficace e non incensatorio a "usate i fiori e non i vostri cannoni" come si blatera oggi. Infatti, la storia recente insegna che quando si ha a che fare con popoli per i quali il dialogo coincide con la barbarie non credo proprio che calarsi le braghe in nome dell'amore sia il meglio possibile. Dialogo? Certo, ma i romani molto efficacemente dicevano "Si vis pacem para bellum". Insomma, ok il dialogo ma si deve anche essere sempre attenti agli imbecilli del momento dalla violenza facile. E quella non la fermi con le belle parole...

      Margherita

      Elimina
  28. Grande recensione Val

    Erica

    RispondiElimina
  29. Bell'articolo Val. Il romanzo di tale Campbell non lo conoscevo anche se parecchi anni fa vidi il film. Concordo con te sulla migliore qualità del film di Carpenter...

    Sonia

    RispondiElimina
  30. La Cosa, quella di Carpenter,è uno dei miei film preferiti! Vista milioni di volte

    Anna

    RispondiElimina
  31. Sei sempre bravo ed efficace Val. Attendo con ansia la nuova puntata

    :-)

    Gabriella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io yuuuuuuuuuu! :-)

      Elisa

      Elimina
  32. Uno dei libri che mi sono sciroppato di più del Grande Campbel

    Jessica

    RispondiElimina
  33. Bella recensione Val


    Rita

    RispondiElimina
  34. Mi piacerebbe sapere quanti libri hai letto e leggi di solito. Gabbiani delle Stelle è ormai la mia enciclopedia libraria


    Bianca

    RispondiElimina
  35. Cosa dire? Sei un grande Val! Ottima, come al solito, recensione

    Samantha

    RispondiElimina
  36. Mi piacciono molto le tue recensioni e questa non è da meno di quelle che ho già letto. Complimenti

    RispondiElimina
  37. Bell'articolo Val...

    Loredana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono d'accordo con te

      Maria

      Elimina
  38. Non ho letto il romanzo nè visto questo vecchio film, ma chi non conosce la Cosa di Carpenter?

    Ivane

    RispondiElimina
  39. Splendida recensione, come al solito!

    :-)

    Simona

    RispondiElimina
  40. Romanzo davvero efficace! Bravo Val

    Azzurra

    RispondiElimina
  41. Non credo che il romanzo si pubblichi ancora e che sia ormai anche questo da collezionisti. Mi chiedo per qualce motivo i classici non siano disponibili, eccetti quelli dell'800 francese o dei nomi molto noti che ci insegnano a scuola. Credo sia per il fatto che nel caso di Campbell parliamo di Fantascienza.

    Federica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evidentemente la Fantascienza è vista qui da noi come un genere di serie b. Peccato perchè molti autori, anche moderni, sono molto bravi

      Mara

      Elimina
    2. Già ed esistono molti bravi scrittori non solo di Fantascienza in Italia ma spesso sono poco accessibili al grande pubblico. Ha ragione Val quando dice che per certi aspetti sono migliori i piccoli e medi editori, almeno offrono migliori chances


      Sonia

      Elimina
    3. qui da noi la fantascienza non gode del prestigio del fantasy anche se però noi italiani ne guardiamo molta al cinema


      Franca

      Elimina
    4. confesso che neanche io sono un grande lettrice di fantascienza è di questo genere ho letto poca roba

      Angela

      Elimina
  42. Neho sentito parlare ma non l'ho letto il libro. E il film mi è del tutto estraneo, sconosciuto. Non ho visto nemmeno quello di Carpenter perchè non mi piace lo splatter. Bella rece cmq!

    Marzia

    RispondiElimina
  43. Attendo il momento che ti vedrà scrivere la recensione del remake di Carpenter, quello nuovo, uscito di recente. Visto e confrontato con quello del Maestro. Non vedo l'ora di scrivere le mie opinioni!

    Margherita

    RispondiElimina
  44. Di solito non guardo film horror nè leggo i romanzi di questo gener ma il film di Carpenter è molto noto. Non conoscevo nè il romanzo nè il film di Hawks


    Monica

    RispondiElimina
  45. Terrificante il film...

    Lucia

    RispondiElimina
  46. mai visto il film nè il romanzo pero' conosco quello di Carpenter e devo dire che è davvero spaventoso. molto bella questa recensione bravo Val

    Sofia

    RispondiElimina

Qui, se vorrete, potrete scrivere i vostri commenti. Vi attendo numerosi...