Translate

lunedì 30 maggio 2011

Và dove ti porta il pc...




Ieri era domenica e me ne stavo mollemente disteso sulla sabbia della rinomata Citrarium Beach, insieme ad Anto. Davanti a noi il mare, in verità un tantino incavolato, una scogliera sbrindellata sulla sinistra e una brezza che aveva il sentore di un uragano col singhiozzo. Accanto a me, fedele come un agente della tasse, il mio smarphone. Sì, uno di quegli aggeggi che ti collegano a internet, ti fanno il caffè, ti danno la ricevuta fiscale, ti mostrano i tuoi contatti su FB, ti inviano gli sms verso Proxima Centauri e ti consentono di vedere a duemila metri un topo che fa la ola.

Ora, con gli occhi chiusi, pensavo ai fatti miei e ai due libri che sto scrivendo attualmente, vale a dire il nuovo romanzo e il Saggio. Dovete sapere che gli scrittori sono gente strana: amano guardare il mondo come se avessero accesso ad altre, e più remote, sfere d’esistenza. Ma questo atteggiamento non va bene quando ti siedi davanti alla dannata sedia del pc né quando hai a che fare con uno smarphone. Almeno nel mio caso.

La mia gioia davanti ai capricci del pc


Sì perché lo schermo (dello smarphone) è eccessivamente piccolo: sembra progettato con un occhio di riguardo agli oculisti e poco agli utilizzatori, e quindi i caratteri sono piccolini, le schermate minuscole, le lettere microscopiche e le funzioni tante. Il computer, invece, ha la sinistra tendenza a sputacchiare messaggi di errore ogni volta che serve, quando cioè devi spedire quell'importantissima mail, quando devi ricevere il contratto di un libro o quando devi spedire un manoscritto al tuo editore corretto dai refusi per la pubblicazione. Quando devi cazzeggiare in rete, invece, funziona benissimo!

La cosa si ripete con gli smarphone. Chissà perché perdono sempre la connessione quando ti serve. Non so se a voi capita, ma quelli che compro io tendono a disintegrarsi al minimo tocco quando invece cellulari da 20 euro funzionano dopo essere stati espulsi da un tritadocumenti... mistero!

A volte penso che dovrei chiamare Giacobbo, ma poi penso che lui darebbe la colpa solo a Templari e Alieni dimenticando Android e Microsoft, quindi ci rinuncio.

Consapevole della cosa me ne sto beato, intento a pensare ai fatti miei. In effetti stavo pensando a una scena importante del romanzo che vede un manipolo di tizi inseguire il protagonista nel bel mezzo di un deserto, mentre alcuni pezzi di bip gli volteggiano sulla testa in elicottero. Se ancora non lo aveste capito io amo molto i miei protagonisti.

Così, quando Anto mi chiede di controllare il blog io le rispondo di no. Perché no? Perché detesto usare quel coso per fare il lavoro di un computer vero. Troppo piccolo lo schermo, preferisco usarlo per navigare, ascoltare musica e fare telefonate (quando le fa). Bene. Ovviamente lei insiste, le chiedo di aspettare. Vince lei e dopo qualche secondo eccoci lì a smanettare con il maledetto schermo touch che una volta entrato nel blog mi mostra una pletora di commenti.

Il riflesso del sole non ci consente di vedere bene che diavolo stiamo facendo quindi pensiamo semplicemente a svuotare tutto e a ricontrollare le statistiche del blog. Cancella cancella, finalmente Anto ipotizza che forse NON sto facendo la cosa giusta. Perfetto, cancellato tutti i commenti di ben tre post e quasi tutti quelli di un quarto! E in questo caso l'anello debole ero stato io, non l'aggeggio.

Ora, io lo so che vorreste appendere il sottoscritto come un cotechino e carezzarlo con un gatto a nove code, ma a mia discolpa posso portarvi il riflesso del sole, lo schermo di quell’affare luciferino e la mia totale incapacità di intendere e di volere quando si tratta di pensare a qualcosa di diverso dal romanzo che sto scrivendo. Perciò commentate qui, e scusate se ho cancellato ben 189 commenti senza volerlo. La cosa non si ripeterà col prossimo post, garantito. Quanto allo smartphone, viste le mie capacità elettroniche, lo cambierò al più presto con un telefono a manovella ma, soprattutto NON lo porterò in spiaggia!


Massimo Valentini



44 commenti:

  1. Mmmm, mi spiace per i commenti! Neanch'io però sono molto brava con il pc!

    Linda

    RispondiElimina
  2. Mi spiace per i commenti! Interessante la scena del romanzo che descrive. Ma è "Sensum"?

    Giada

    RispondiElimina
  3. Beh, può capitare!!


    Cristina

    RispondiElimina
  4. Almeno non ci sono più i commenti di Bimbadolce '81! :-)

    Elisa

    RispondiElimina
  5. Io sono negata con gli strumenti elettronici e infatti il mio cell è un Nokia di sei anni fa! Carino però questo spaccato di vita "scrittoria"...

    Anna

    RispondiElimina
  6. Fà niente! L'importante è non cancellare i post! :-)

    Chiara

    RispondiElimina
  7. Va bene può capitare a chiunque!!

    Marika

    RispondiElimina
  8. A me capita spesso!

    Franco

    RispondiElimina
  9. Peccato per i commenti! In effetti con il sole a picco è difficile vedere lo schermo, però mi fa piacere che controlliate spesso il blog...

    Eleonora

    RispondiElimina
  10. Adoro questi post naif!!!!!!!!!!!


    Eliana

    RispondiElimina
  11. Come si dice, nessuno è perfetto!!! E poi ciò che conta è non cancellare i manoscritti! Quelli no!!!!

    Sara

    RispondiElimina
  12. Io ero anch'io al mare!!!!!!!

    Viviana

    RispondiElimina
  13. Beh, li ho visti. Li ho visti, li ho visti!

    Sandra

    RispondiElimina
  14. Computers e telefonini spesso sono utili ma a volte capricciosi. Mi spiace molto per i commenti ma apprezzo che li controlliate sempre. Sono curiosa sul romanzo e sulla scena. Parlarne?

    Serena

    RispondiElimina
  15. Mannaggia!!! I commenti no! :-) M qual è il romanzo di cui parla? "Sensum"?

    Marcella

    RispondiElimina
  16. Il romanzo di cui accenna non è "Primus", vero?


    Grazia

    RispondiElimina
  17. Capita anke a me a volte!

    Silvietta

    RispondiElimina
  18. Divertentissimo questo post, ma guardi che poi vogliamo leggere quello sul Saggio (e pure questo nuovo romanzo!)


    Maria Pia

    RispondiElimina
  19. Carino il post! Oh, non si preoccupi tanto cpita a chiunque una cosa del genere. Comunque le macchine elettroniche fanno le bizze quasi come le persone.

    Federica

    RispondiElimina
  20. A me capita spesso di fare casini con i computer. Mia sorella mi chiama miss disastro!

    Angela

    RispondiElimina
  21. Vabbè la perdoniamo.
    Lei scriva sempre, però! :-)

    Laura

    RispondiElimina
  22. Davvero carino questo mini-post... uno spaccato di vita reale che mi fa piacere abbia condiviso con noi lettori..
    Credo però che la scena di cui parla il Nostro non sia di Primus se non altro perchè mi è parso di capire che Primus sia finito mentre questo episodio immaginario si riferisca a qualcosa in divenire. Però non so!
    Per Sandra: dove li hai visti, li ha ìi visti, li hai visti?

    Il tuo commento è davvero entusiasta :-)

    Veronica

    RispondiElimina
  23. Beh voi scrittori sarete anche strani pero' mostrate anche un entusiasmo particolare x cio'che fate e soprattutto siete... Grazie di questo scorcio simpatico!

    Viviana

    RispondiElimina
  24. Io rispetto moltissimo voi artisti e sono consapevole della vostra genuina diversita', in senso buono intendo. Prego x i commenti, l importante e' che resti sempre un modello per molti di noi fan

    Mara

    RispondiElimina
  25. Bel post, molto carino!!!!!

    Barbara

    RispondiElimina
  26. Molto piacevole compli

    Isabella

    RispondiElimina
  27. Simpatico ;-)

    Laura

    RispondiElimina
  28. Beh mi spiace x i commenti ma mi piace questo post.... Carinissimo

    Diana

    RispondiElimina
  29. vabbe' puo' capitare, no? Cio' che conta e' che questo spazio sia sempre cristallino come effettivamente e'. ;-)

    Margherita

    RispondiElimina
  30. Meglio cancellare commenti che post!

    Franca

    RispondiElimina
  31. Carinissimooooooooooo e poi adoro Garfield

    Samantha

    RispondiElimina
  32. Al proprio scrittore preferito si perdona tutto!

    Sonia

    RispondiElimina
  33. Tranquillo Max, e poi eri a Citrarium Beah

    E. Stefanin

    RispondiElimina
  34. Ma questo post e' spettacolare. Ancora rido, figo!!!!!!

    Riccardo

    RispondiElimina
  35. Cioe' lei va a Cetraro oppure e' stata solo una scelta casuale? Io vado sempre li ad Agosto

    Katia

    RispondiElimina
  36. Super super super sto post...

    Marcella

    RispondiElimina
  37. X Veronica

    Sulla spiaggia!

    Sandra

    RispondiElimina
  38. Io adorooooo Garfield. Era il mio cartone preferito al liceo e compravo sempre i sioi diari.... Mitico gatto bastardo

    Federica

    RispondiElimina
  39. Bellissimo questo post, divertente

    Sofia

    RispondiElimina
  40. Piu' lo leggo piu' mi diverte!

    Cristina

    RispondiElimina
  41. Io adoro
    il mare....

    Vanessa

    RispondiElimina
  42. Come gli altri fan anch'io penso che possa succedere, ma tanto capita a tutti... Cio' che conta e' che i manoscritti sono salvi!!!!!!!

    Stefania

    RispondiElimina
  43. Ma scusi e' Sensum? Ed e' ambientato in un deserto oppure parliamo di un romanzo fantasy?

    Simona

    RispondiElimina
  44. Non vedo l ora di leggere i suooi nuovi libri... Curiosa!

    Serena

    RispondiElimina

Qui, se vorrete, potrete scrivere i vostri commenti. Vi attendo numerosi...