Translate

venerdì 11 marzo 2011

Message in a bottle



Salve a tutti e bentornati su “Gabbiani delle Stelle”. Oggi vi scrivo per ringraziarvi delle belle parole che state spendendo per il mio libro e per le domande che continuate a rivolgermi. Prima di dedicarmi a rispondere alle ultime che mi avete posto vi segnalo il link della recensione di “Ultima Thule” scritta dalla bravissima Debora Libardi su “Sognando Leggendo”.


E ora passiamo alle vostre interessanti domande
Incominciamo a parlare della scaletta, come qualcuno di voi ha chiesto, della mia produzione letteraria targata Seconda Generazione. Come sapete la SG è composta da 4 romanzi uno dei quali (gli altri tre sono top secret… gne gne gne!) è proprio “Primus, l’uomo che sognava di vivere”.  Le altre novità sono invece il Saggio e il nuovo romanzo “leggero”. Detto tra noi si tratta di due progetti del tutto inattesi all’origine che hanno un po’ stravolto i piani originari. La scaletta, sia di pubblicazione che di composizione dei libri, è la seguente:
Pubblicazione - “Primus, l’uomo che sognava di vivere” per il quale aspetto una risposta che non potrà pervenire prima del periodo giugno/ottobre 2011.
Composizione 1- “Le mille anime di Miles” è il famoso romanzo “leggero” che intendo scrivere nel giro di una dozzina di mesi in contemporanea (più o meno) al Saggio. C’è da dire che la parola “leggero” non identifica un romanzo scritto all’acqua di rose, ma un testo che per complessità e ambizioni sarà diverso da quanto sto sperimentando con i romanzi della Seconda Generazione. Per struttura tale romanzo si situa a metà strada tra quella di “Ultima Thule” e il nuovo corso della SG e sarà di Genere con solo una spruzzata di Fantastico. L’idea di base si deve ad Antonella che mi ha fornito il plot della storia, ma sviluppo e motivazione dei personaggi saranno miei.
Composizione 2 -  “Sensum” è il romanzo che al momento è in stasi e appartiene alla SG a pieno titolo. Chiariamo subito una cosa: nessuno dei romanzi della SG sarà MAI abbandonato dal sottoscritto e questo non fa eccezione. Confermo, però, che fino alla composizione del numero 4 della serie questo è senza dubbio quello più sofisticato, complesso e ambizioso di tutti. Data l’intrinseca difficoltà ho deciso di sperimentare in tono minore proprio con il romanzo “leggero”.
Composizione 3-  “Il Disegno di Dio” che potrebbe essere il titolo del Saggio di cui al momento esiste solo il primo capitolo, e che dovrà per contratto essere completato tra un anno solare. Come già sapete sarà pubblicato da “I libri del Casato Editore” che poi è la stessa realtà editoriale de “Il Giornale dei Misteri”. Tengo a precisare che ogni informazione relativa a questo libro non è divulgabile, quindi chiedo la vostra collaborazione in tal senso. Posso però anticiparvi che si tratterà di un saggio sul significato della vita in relazione alle nuove frontiere della Fisica, della Teoria dei quanti, della Filosofia della scienza e della Neurofisiologia. Non spaventatevi perché non sarà un testo universitario bensì un libro che nelle mie intenzioni dovrà essere fruibile anche da chi è digiuno di simili argomenti. Il volume nasce dalla mia collaborazione con il GdM e sarà il primo del suo genere uscito dalla mia penna.
A chi, invece, si domanda se la mia produzione finora pubblicata sia più da "maschietti" o da “femminucce” rispondo che quando scrivo non mi pongo mai questa domanda. Abiurando il commerciale in tutte le sue forme evito di pormene i limiti. Certamente, la notevole dose poetica e le trame tendenti all’introspezione psicologica/amorosa potrebbero farle catalogare come letteratura al femminile, ma è solo una questione di gusti del lettore. Prova ne è che i miei racconti di Fantascienza risultano piacevoli sia per gli uni che per le altre!
Adesso passiamo a una piccola “follia” mia e di Antonella che abbiamo deciso di condividere con voi. L’otto marzo, invece di foraggiare i locali in un improbabile celebrazione delle 129 donne che persero la vita in quella dannata fabbrica newyorkese, abbiamo gettato una bottiglia nel mare contenente la copertina e la poesia di “Gabbiani delle Stelle”. Si tratta di un gesto simbolico che nelle nostre intenzioni vuole esaltare l’amore e non la voglia di “festini” a tutti i costi. Se qualcuno di voi dovesse mai ripescarla ci piacerebbe lo comunicasse con un commento!







E per finire adesso sono io che vi rivolgo una domanda. Per il prossimo post vorrei proporvi una recensione tra questi tre titoli:

“Tre” di Melissa P.

“L’uomo che non sapeva amare” di Federico Moccia 

“Vieni via con me” di Roberto Saviano

Decidete e... chiedete!
Alla prossima e mi raccomando... volemose bene!!!!


Massimo Valentini

57 commenti:

  1. Bellissima questa cosa della bottiglia wow!

    Grazie per le news sulla sua produzione. Il saggio sembra molto figo!!!

    Quanto alla rece: madò che libri! Poi io Saviano non lo reggo proprio! Ma ho la sensazione che non sia un caso che abbia scelto questa categoria... se è per una recensione alla "manuale semiserio" hi hi hi!!!!! Allora scelgo: il libro di Moccia!


    Sonia

    RispondiElimina
  2. Ottima l'idea del messaggio in bottiglia! Romanticissima!!!! Ovviamente le foto andranno al club! ;-)

    L'idea del saggio sembra molto bella, è effettivamente una novità e mi stupisce sempre la sua erudizione: l'argomento è ostico ma... direi c'è materiale per prossime tesi! Sono curiosa!

    Bella l'idea del romanzo "leggero": lei è sempre un vulcano! Godere della sua arte è un bene, quando puoi il suo talernto diventa anche un saggio non potrò che essere presente. Ho notato che non ha accennato minimamente alla trama del nuovo romanzo, comunque il titolo è azzeccato. Profondo anche quello del saggio, però!

    Libri: beh, dei tre salvo Saviano anche se di suo non ho mai letto nulla: mi annoiano le cose che parlano di mafia, sinceramente. Quindi scelgo "Tre" di Melissa P. Mi aspetto però una recensione....

    Chiara

    RispondiElimina
  3. Le mille anime di Miles: bello!

    Il disegno di Dio: wow!

    Bella l'idea della bottiglia e della copertina di "Gabbiani delle Stelle". Se la trovassi io sarebbe super! Ho visto che il posto è Cetraro!

    Sulle recensioni non mi pronuncio: non mi piacciono questi tre... scrittori. Saviano è un caso editoriale, Moccia... lasciamo stare, Melissa P? Perché, è una scrittrice?

    Mirella

    RispondiElimina
  4. Intanto scelgo "Tre"! E spero che scriverà una recensione super come quelle solite sul Fantasy!!! Da infarto!

    Tornando seri: mi fa piacere leggere che la sua produzione letteraria è più viva che mai. Che nessuno dei romanzi sarà abbandonato e che anzi ci sono le novità. Quindi se ho ben capito la prossima sessione d'autunno potrebbe vedere il debuto di "Primus" e poi, subito dopo, del saggio! Mitico!


    Federica

    RispondiElimina
  5. Mi prenoto per il saggio!


    E Stefanin

    RispondiElimina
  6. Di solito non compro saggi. PEr il suo farò un'eccezione


    Franco

    RispondiElimina
  7. Passo per il saggio, ma "Primus" lo comprerò senz'altro!


    Marco

    RispondiElimina
  8. Belle novità e idea origiale quella dell'otto marzo!

    Questa cosa del romanzo "leggero" m'intriga, come ogni cosa che esca dalla sua penna! Il saggios embra un libro serio serio serio: però se lo scrive lei sarà da applauso sicuro.

    PEr le recensioni: non capisco perché abbia scelto quei titoli a meno che non li abbia già letti e progetti di scrivere una recensione al vetriolo. In tal caso sceglierei tutti e tre: detesto la spocchia di Moccia, Saviano ha sempre la stessa faccia e Melissa P... ho visto il film e letto "Cento colpi di spazzola" e sinceramente non ho mai capitato il successo. Devo proprio scegliere? Preferisco non farlo!


    Marika

    RispondiElimina
  9. Scelgo "Tre": ne ho letto di cotte e di crude in rete e se tanto mi da tanto la sua recensione sarà uno sballo.


    Interessante la scaletta (a proposito: grazie!!!) della sua nuova programmazione. "Sensum" sembra un romanzo coi fiocchi. Spero lo scriva e finisca presto!

    "Primus", vabbè: è il precursore della new generation e non vedo l'ora di leggerlo. Peccato solo che ci voglia così tanto tempo per un responso!

    Romanzo "Miles": carino questo titolo: son curiosa!

    Il saggio mi lascia perplessa: l'argomento sembra di quelli potenti e a volte mi stupisco di quanto lei non sia uno dei tanti né sia legato a doppia mandata a un solito genere: l'altra volta discutevo con le mie amiche proprio di questo anche se non abbiamo parlato di lei (loro non la conoscono). E' un dato di fatto che gli scrittori oggi sono settorializzati: scrivono sempre le stesse cose e forse anche il pubblico non li comprerebbe più se facessero altro. Lei invece è unico: scrive racconti di Fantascienza (bellissimi) racconti Fantastici di un genere nuovo, a metà tra il Fantasy, il Fantastico e il sentimentale. Poi passa a romanzi diversissimi (come "Primus") e adesso tira fuori dal cilindro un romanzo "leggero" (ma non credo poi tanto, trattandosi di lei!) e un saggio: assoluta novità. Ovviamente comprerò ogni suo libro!

    Katia

    RispondiElimina
  10. Ottime notizie!!!!!!!!!


    Mmmm: "Tre"!


    Serena

    RispondiElimina
  11. Bella l'idea del messaggio in bottglia!

    I progetti dei nuovi libri sono accattivanti.

    Paolo

    RispondiElimina
  12. Che peccato però dover attenderee tanto per leggere i nuovi libri!

    Maria Pia

    RispondiElimina
  13. c ondivido tutto il post tranne le proposte di recensione!

    Moccia e Melissa P non li ho mai letti e mai li leggerò. Ho letto "Gomorra" di Saviano ma, sinceramente, non mi è piaciuto. Non dico sia un brutto libro dico solo che, essendo stato un regalo per il mio compleanno, non lo avrei mai scelto. Non sono interessata alle cose di mafia ma ai Fantasy e ai Noir. Potrebbe quindi recensire anche un altro libro, magari La saga di Amon di Chiara Boni?

    Marcella

    RispondiElimina
  14. "Primus" sarà quindi il suo prossimo libro. Non vedo l'ora di leggerlo! Il saggio non so, ma se lo scrive lei è una garanzia.
    Un appuntino piccino picciotto :-) Perché recensire i libri di Moccia? Le mie amiche mi trascinarono a vedere "Ho voglia di te" al cinema e dovetti mordermi le labbra per non ridere. Evitando di fare altri commenti, dirò che non ho mai letto un suo libro proprio per questo. Ho però visto il fim tratto dal primo libro della P e mi ha aperto gli occhi sulla qualità non solo del romanzo ma anche della cinematografia italiana. In rete esistono fior di recensioni su questi autori. Dato che lei, di solito, recensisce bei libri (ricordo "Rebecca") perché non provare con titoli, mi si perdoni, più nobili? Quanto al libro di Saviano: non ho mai capito se lo scrittore partenopeo scriva saggi o romanzi a mò di saggi. In ogni modo non apprezzo l'argomento. So che in libreria Fantasy, Saggi sulla Mafia (in tutte le salse) e i best seller stranieri abbondano. Non parlo dei libri trash, quelli delle veline, calciatori, decerebrati televisivi, comici ecc per pietà della lingua italiana. Gomorra è stato un caso editoriale ma, e parlo a nome mio, ovvio, non ho mai comprato i suoi libri. Saranno anche belli e forse "Vieni via con me" è il solo per cui dovrei decidere delle sue opzioni. Ma è per caso un estratto del programma omonimo? Vorrei però porre un'alternativa: potrebbe invece recensire qualche libro della Rice?

    Elisa

    RispondiElimina
  15. Vedo che gli altri fan si son scatenati sulle possibili recensioni. Bene, son concorde con loro. Salvo Saviano di cui ho letto il primo anch'io ma non gli altri. Ho letto diversi saggi libri inchiesta di mafia, specialmente perché a scuola a volte li hanno presentati, e a dire il vero non so neanche di cosa parli il nuovo di Saviano. Penso però che siamo sempre lì.

    Una cosa: Chiara Boni? A me non è piaciuta affatto la "Saga di Amon": libro bellissimo esteticamente ma il romanzo avrebbe necessitato di un certo editing. Sinceramente non so....


    Linda

    RispondiElimina
  16. No, per favore, parliamo di altri libri!!! Al limite, Saviano.



    Sandra

    RispondiElimina
  17. Ma guardate che la recensione prescelta sarà certamente ironica, visti i titoli (Saviano a parte). Poi comunque ciò che mi piace di più sono i SUOI libri! Spero di leggere presto quelli nuovi.

    Elena

    RispondiElimina
  18. Ottime notizie quelle sui suoi libri.

    Le recensioni? Beh, nessuna delle tre!
    Saviano ha la stessa faccia? SIIIIII! Melissa P e Moccia, proprio, non si possono leggere, invece!


    Sonia

    RispondiElimina
  19. Mi prenoto la mia copia di "Primus" da adesso!

    Per il resto "Tre"! ragazzi, ma non avete capito? La rece sarà sicuramente gustosa!!!


    Serena

    RispondiElimina
  20. Quante notizie ghiotte :-) Sono impaziente, spero che riusciremo a leggere presto le Sue nuove opere :-)
    Particolare curiosità è per il saggio... Sicuramente sarà l'ennesimo Suo capolavoro. Decisamente diverso da ciò che ci ha abituato a leggere finora, ma che leggeremo con grande "sempicità" nonostante l'argomento complesso, perchè Lei è così... E' capace di descrivere qualsiasi cosa senza annoiare anche se si tratta di argomenti che generalmente non ci avrebbero interessato :-) Insomma... Io leggerei anche un "mattone" firmato Massimo Valentini perchè sono sicura che poi tanto mattone non sarebbe :-)
    Complimenti per l'idea del "message in a bottle" molto molto romantica :-)
    Per quanto riguarda le recensioni voto Moccia! Sono proprio curiosa di leggere cosa ne pensa :-)

    Paola

    RispondiElimina
  21. Sissì son d'accordo con le altre fan su tutto, lettera in bottiglia compresa! :-)

    Recensione? Mmmm penso anch'io sarà dettagliata alla Valentini quindi scelgo Moccia!

    Lea

    RispondiElimina
  22. La bottiglia è fighissima, i prossimi libri idem!

    Scelgo Moccia: e spero sarà taglientissima la rece!


    Vincenza

    RispondiElimina
  23. Bah, io non penso che saranno recensioni scherzose o meno: penso saranno recensioni. Probabilmente Valentini ha selezionato questi libri perché commerciali: non capisco tutto questo tam tam quindi!

    Moccia...




    Maria

    RispondiElimina
  24. Concordo con l'amica Paola: l'idea del messaggio in bottiglia è forse classica ma romanticissima. Ok per le iniziative letterarie. Son curiosa sul saggio.

    Recensione? Melissa P


    Cristina

    RispondiElimina
  25. Non mi va di vedere una recensione sui titoli proposti: non mi piacciono nessuno dei tre!


    Anna

    RispondiElimina
  26. Sarebbe carino trovare il messaggio in bottiglia! E' un'idea classica ma non ci avevo mai pensato. E poi è bello sapere che "Gabbiani delle Stelle" naviga in un certo senso come lo scrigno che il protagonista del terzo racconto trova tra le onde dell'oceano.

    Per la recensione: scelgo Moccia



    Sara

    RispondiElimina
  27. Mi piace l'idea della bottiglia col messaggio!

    Io scelgo Moccia: per sfortuna ho letto "Amore 14" perché regaatomi per il compleanno... madò!!!!!! Se tanto mi da tanto questo nuovo sarà anche più trash! PErciò scelgo lui: spero di farmi belle risate!


    Eliana

    RispondiElimina
  28. Come Paola scelgo Moccia anch'io: uno dei più sopravvalutati scrittori (?) italiani. L'altro è Baricco...


    Martha

    RispondiElimina
  29. Bello il post, splendide le notizie, pessime le recensioni: dei tre non me ne piace nessuno, neanche un po'! Se però scriverà una sorta di vademecum di come NON deve essere scritto un libro allora Melissa P.

    Viviana

    RispondiElimina
  30. Uff non riesco a postare il mio commento!!!!

    Sono indecisa tra Moccia e Melissa P. Saviano mi annoia ma gli altri mi fanno ridere. Ha dimenticato la Meyer però :-)

    Viviana

    RispondiElimina
  31. Che dire?

    Le notizie sulle prossime opere sono belle. Sfavillante il messagio nella bottiglia: idea forse classica ma sempre romantica. Una bellissima scelta nel giorno dell'otto marzo!

    Quanto alle recensioni:

    Saviano lo considero uno dei casi letterari più costruiti degli ultimi tempi a costo di apparire impopolare visto il casino mediatico che ci hanno fatto. Moccia non è uno scrittore: saprei scrivere meglio di lui persino io ed è quanto dire! Melissa P? Ho letto il primo libro e l'ho trovato mediocre. Se il primo era così non oso immaginare cosa deve essere questo "Tre"! E non mi si accusi di moralismo: credo che Melissa P se vuole davvero scrivere romanzi erotici dovrebbe cercare di studiare un pò. Dopotutto Lolita è un classico e non credo proprio lei potrebbe scrivere un romanzo simile! Scelgo proprio Melissa P: voglio farmi quattro risate!

    Eleonora

    RispondiElimina
  32. Comprerò i nuovi libri, anche il saggio: se li scrive lei devono essere belli senza alcun dubbio! :-)

    Recensione: scelgo Moccia


    Azzurra

    RispondiElimina
  33. Come recensione sceglierei Melissa P, tanto per vedere. Non ho mai letto nessuno di questi tre scrittori quindi non saprei. Diciamo che li evito... hi hi hi!!!

    Wow per le novità. §Il saggio sembra tosto: da leggere!

    Mara

    RispondiElimina
  34. Nessuna delle tre!! :-)

    Vincenzo

    RispondiElimina
  35. Secondo me a molti di voi sfugge una cosa semplicissima: non è che le recensioni debbano essere serie se ci piace un libro e meno serie se non ci piace: devono essere realistiche, cioè ponderate bene. In questo senso Valentini non ci ha mai delusi. Qualcuno parla di manuali semiseri: divertenti, vero, ma non erano recensioni. Se ci ha proposto questi tre titoli è evidente che le recensioni saranno serie: se poi positive o negative è un altro discorso.

    Laura

    RispondiElimina
  36. I nuovi libri mi incuriosiscono. Li aspetto con piacere e con piacere...migliore!!!! li leggerò, Uau per il saggio: lei è sempre una sorpresa!

    Recensioni: scelgo Melissa P: non ho mai letto nulla di questa autrice ma ho letto parecchie recensioni... a questo punto sono curiosa di sapere chene pensa il mio scrittore preferito.


    Vanessa

    RispondiElimina
  37. I suoi nuovi libri mi intrigano assai!

    Per le recensioni scelgo Melissa P

    Diana

    RispondiElimina
  38. Melissa P. Su Saviano non dico nulla ma sinceramente non mi ispira. Moccia... neanche. La P non mi sorride neanche, ma son curiosa, dato l'argomento, di sapere che scriverebbe lei.

    Maria

    RispondiElimina
  39. Ma scusate che vuol dire stà storia recensioni si o no? Sinceramente, alle volte non capisco! Una recensione è fatta per esprimere un'opinione, spesso da parte di una persona esperta dlel'argomento, su qualcosa. Non è nè divertente né noiosa né seria. E poi un minimo di partecipazione! Neanche a me piacciono i tre titoli proposti da Valentini ma proprio perché si tratta di tre libri per certi aspetti simboli di questi tempi giustamente Valentini li ha proposti. Scelgo Moccia: già una volta Valentini ne aveva fatto una gustosa parodia. Adesso vorrei vedere quale sarà il suo giudizio (oggettivo!) sul libro in questione


    Marcello

    RispondiElimina
  40. Melissa P: son curiosa!

    Saggio: però! :-)

    Nuovo romanzo: off course!!!!!!!

    "Primus"? Sarà mio!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!


    Francesca

    RispondiElimina
  41. A me Moccia non dispiace come regalo economico:
    con molte amiche vado sul sicuro. Io, però, non lo leggo mai anche se ho scorso qualche pagina di Tre metri e bla bla bla.

    Lo scelgo come regalo perché tante bm lo leggono... e non mi chiedete che vuol dire bm Hi Hi Hi

    Margherita (CS)

    RispondiElimina
  42. Pensavo anch'io che Saviano non sorridesse mai: mai ieri su La sette parlava per diofendersi da un'accusa fattagli dai discendenti di Croce perché nel programma "Vieni via con me" (a proposito cofermo che il nuovo libro è solo una collezione dei suoi monologhi espressi nel programma) avrebbe parlato in modo non proprio idilliaco di Croce. Ho cambiato dopo cinque minuti ma l'ho visto sorridere... incredibol!!! :-)

    Riccardo

    RispondiElimina
  43. La saga di Amon è da rivedere e rieditare. La mia donna l'ha letta e sinceramente non le è sembrata all'altezza del battage pubblicitario che hanno fatto. Quanto alla Rice: scrive bene ma sono stanco di vampiri & co: ebbasta!!!!

    Marcello

    RispondiElimina
  44. Ma voi sapete che Valentini e Anto frequentano il Dolci e capricci? Visti ieriiiiiiiii!


    Sandra

    RispondiElimina
  45. Scelgo Moccia: mai letto niente di lui e mai leggerò però la recensione me la voglio gustare!


    Marcello (CS)

    RispondiElimina
  46. Le notizie sono buone e spero che presto diventino ottime (pubblicazioni e nuove composizioni).

    Credo che molti dei fan abbiano effettivamente equivocato sulle proposte delle recensioni fatte dal Nostro. Ragazzi, ma scusate, gà vi si offrono TRE (non il romanzo) titoli tra cui scegliere e ne proponete altri? Voglio dire, mi sembra che Valentini sia abbastanza disposto verso i lettori, no? Lungi da me la voglia di criticare alcuno, ci mancherebbe!, dico solo che è evidente che la triade proposta è una scelta precisa del nostro Autore: Melissa P, Moccia e Saviano sono lo specchio dei nostri tempi:

    il romanzetto erotico
    il romanzo di genere pro adolescenti
    il romanzo/reportage di mafia

    cioè quel che va di moda qui da noi se non pensiamo al Fantasy. Il libro di Saviano, poi, non è neanche un romanzo: sono i suoi monologhi prelevati pari pari dalla trasmissione omonima. Una mossa di marketing ovvia visto il successo di Saviano, no? Forse io al posto suo avrei proposto "Gomorra" (che ho letto ma non sono riuscita ad arrivare all'ultima pagina) ma evidentemente Valentini ha scelto tre titoli "nuovi". Tra questi io sceglierei Melissa P: parlare di Moccia è come sparare sulla Croce Rossa: troppo facile. Di Melissa P, invece, che la Fazi a suo tempo presentò come una novella scrittrice di arte erotica, vedrei bene una recensione. E sono anche certa di che tipo essa sarà! :-)


    Margherita

    RispondiElimina
  47. Molto bello il suo "Gabbiani delle Stelle": ben scritto e poetico quanto basta per far riflettere. Bellissimo "Il mare della memoria".

    Carla

    RispondiElimina
  48. Melissa P!

    Jessica

    RispondiElimina
  49. vedrei bene una recensione di "Tre".

    E mi piacerebbe trovare io la bottiglia!!!!!


    Monia

    RispondiElimina
  50. Ottime notizie!!!

    Il saggio è curioso!!!!


    Isabella

    RispondiElimina
  51. PS:

    chiedo scusa...

    Penso che leggerò il suo saggio, ovviamente!

    Margherita

    RispondiElimina
  52. Scelgo anch'io TRE. E intanto preparo il pop corn!


    Stefania

    RispondiElimina
  53. Ah ah ah ah! Stefania ha colto secondo me la giusta essenza di queste proposte di recensione! Mi associo ma scelgo Melissa: da fan della vera "Lolita" (letteraria e cinematografica) ho sghignazzato parecchio davanti a "Cento colpi di spazzola prima di andare a dormire". E intanto vado di patatine fritte e coca cola!

    Marcello

    RispondiElimina
  54. Sceglierei Tre anch'io anche se Moccia è taaaaaanto trash!!


    Marco

    RispondiElimina
  55. Devo necessariamente scegliere? Uno qualsiasi dei libri di costoro valgono per gli altri. Lo so che lo stesso vale per gli autori di best seller stranieri ma...


    Lorenzo

    RispondiElimina
  56. Ehm, sceglierei anch'io tre!



    Sandra

    RispondiElimina
  57. Salve a tutti! E' da un po' che non scrivevo su questo blog ma come sempre resto colpita dalle novità... molto bella l'idea della bottiglia così come le informazioni che ci da. Un benvenuto a Carla... mi pare sia la prima volta che scrivi... Saluti e buona domenica a tutti

    Veronica

    RispondiElimina

Qui, se vorrete, potrete scrivere i vostri commenti. Vi attendo numerosi...